Comment cultiver du cannabis ?

Come coltivare la cannabis?

17/08/22Lu en 6mn

La coltivazione della cannabis non è così difficile come si potrebbe pensare. Chiunque può far crescere la cannabis, a condizione che tu abbia le informazioni e le risorse giuste. La mancanza di informazioni affidabili è generalmente la principale difficoltà dei nuovi arrivati ​​nella coltivazione della cannabis. Fortunatamente, questo contenuto spiega tutto ciò che devi sapere sulla coltivazione della cannabis, dal seme alla raccolta. Crescere la cannabis può sembrare inizialmente intimidatoria, ma quando si capisce i principi di base, diventa molto più semplice. In effetti, coltivare la tua cannabis è gratificante e divertente. Solleviamo un angolo velo su questa pratica che suscita molto interesse. 

Una panoramica dei principi di base della coltivazione della cannabis

Il modo migliore per ottenere una buona performance e cannabis di qualità è coltivare piante sane e soprattutto forti. Ecco un piccolo tour de tavolo delle cose principali da sapere sulla coltivazione della cannabis.

  • La cannabis è una pianta stagionale annuale. Generalmente prospera in climi temperati. Ogni anno, spinge e muore prima di essere ripiantata l'anno successivo. 
  • Per coltivare una pianta di cannabis, ci vogliono circa 10-32 settimane. Naturalmente, questa volta varia in base al metodo scelto e in base alle dimensioni che si desidera dare alle piante. 
  • È importante fare una scelta tra cultura interiore e cultura esterna prima di iniziare la produzione. In effetti, hai la possibilità di coltivare la cannabis quasi ovunque. Tutto dipende dallo spazio, dalle risorse e dalle attrezzature che hai.
  • Le piante di marijuana iniziano con un clone o con un seme. Il clone è un taglio tratto da una pianta di marijuana. Hai la possibilità di coltivarlo in un'altra pianta, che avrà la stessa costituzione genetica. Per quanto riguarda i semi, germinano per diventare piantine.
  • Dopo aver superato lo stadio della piantina, la pianta entra nella fase vegetativa. In generale, questa fase è la più lunga della sua vita. Ha quindi sviluppato una canna principale, rami e foglie in un ventilatore, ma non sono ancora gemme. 
  • Tutto cambia durante la fase di fioritura, quando le piante di cannabis iniziano a produrre gemme. Questa fase arriva circa due mesi prima della raccolta. 
  • Durante il raccolto, le piante devono essere tagliate, tagliate, essiccate e macerate. Sono quindi pronti per essere fumati.

Coltivazione di cannabis all'interno o all'esterno

Come spiegato sopra, è importante dall'inizio, scegliere tra cultura interna e cultura esterna.

Cultura interna

Cultura interna a molti vantaggi. Per iniziare, garantisce un'erba di qualità molto buona. Ciò è, in effetti, a causa della possibilità che offre di controllare tutti gli aspetti importanti dell'ambiente culturale. La cultura interna offre anche una maggiore flessibilità. A differenza della cultura esterna, il processo non dipende da condizioni meteorologiche o stagioni. Fornisci le tue piante, l'intero ambiente di cultura di cui hanno bisogno per crescere. In questa stessa logica, la cultura interna consente di effettuare diversi raccolti. Dal momento che controlli il tuo terreno di coltura, hai la possibilità di controllare il tempo della fioritura e quindi il tempo del raccolto. Decidi anche il momento perfetto per far rivivere una nuova cultura, sia inverno che estate.

L'ultimo vantaggio della cultura interna è la sicurezza. Nonostante l'aspetto legale della coltivazione della cannabis, puoi decidere di nasconderlo per ragioni che ti sono pulite.

Tuttavia, la cultura interna richiede spese significative. In effetti, l'elenco delle attrezzature necessarie per questo tipo di cultura è lungo. Rispetto alla cultura esterna, avrai bisogno di un investimento più grande.

Cultura all'aperto

Per quanto riguarda la cultura esterna, il primo vantaggio è chiaramente legato a bassi costi operativi. In effetti, coltivare la tua cannabis all'aperto ti fa beneficiare di risorse naturali (sole, vento, pioggia, ecc.). Pertanto, non dovrai spendere ingenti somme di elettricità per lampade, condizionatori d'aria e deumidificatori. 

La cultura esterna ti consente anche di ottenere rese molto interessanti. In effetti, hai la possibilità di lasciare che le tue piante raggiungano l'altezza che ti si adatta. Naturalmente, a condizione che siano sempre gestibili.

Tuttavia, la coltivazione della cannabis esterna ha alcuni requisiti. Hai bisogno di terreni che ricevano una luce solare sufficiente durante il periodo di crescita. Inoltre, la cultura esterna non è molto flessibile per quanto riguarda i cicli di produzione.

Coltivazione di cannabis sulla terra o sull'acqua

Questo è un dibattito molto comune nel rango di produttori di cannabis. Nota che puoi usare sia il suolo che l'acqua per la coltivazione della tua cannabis. Nella vita reale, hai la possibilità di usare qualsiasi ambiente di cultura dal momento in cui porti le piante necessarie. È generalmente la buona quantità di acqua, luce e sostanze nutritive.

Se hai difficoltà a fare una scelta, il fattore da considerare diventa il tempo necessario per la crescita delle piante. Ad esempio, la coltivazione della cannabis nell'idro è più veloce della coltivazione nel terreno. L'idro è generalmente raccomandato per i nuovi coltivatori di cannabis. È davvero più facile per loro gestire l'ambiente culturale e i nutrienti. Per quanto riguarda la coltivazione della cannabis in terra, è raccomandato per i coltivatori più anziani.

La scelta del seme di marijuana da coltivare

Se vuoi coltivare cannabis di alta qualità, è importante iniziare con semi di buona qualità. In effetti, alcuni specialisti pensano che la selezione di semi sia l'aspetto più importante della coltivazione della cannabis. 

Se vuoi coltivare semi che producono teste potenti e gustose, devi optare per ceppi di alta qualità. Non tutti i semi sono uguali e alcuni sono di qualità migliore di altri. 

A tale scopo, ci sono alcuni fattori da prendere in considerazione quando si selezionano i semi di cannabis. 

  • Genetica: questo è il fattore più importante nella scelta dei semi. I semi buoni hanno una forte genetica e producono gemme simili alle piante parentali originali. I semi cattivi producono piante che non hanno somiglianza con la tensione parentale originale. 
  • Disponibilità: alcuni semi sono più facili da trovare rispetto ad altri. Allo stesso tempo, alcuni semi sono più difficili da trovare, perché sono molto popolari tra i produttori.
  • Il prezzo: di quanto sopra, i semi non sono tutti uguali. Alcuni sono più preziosi di altri perché sono più ricercati o più efficienti.

Dove acquistare semi di cannabis?

Come con altri aspetti della coltivazione della cannabis, sono disponibili molte opzioni per ottenere i semi. 

Puoi averli online con distributori o nei negozi fisici. È anche possibile trovare semi in vecchie bustine che sono state utilizzate per mantenere le gemme. Sebbene quest'ultima opzione sia rara, non è del tutto impossibile. Se ciò accade, puoi usarli per coltivare la tua cannabis. 

Prima di effettuare acquisti di semi online, si consiglia di verificare la qualità del prodotto. Assicurati che provenga da una rinomata banca di semi. È anche importante assicurarsi che i semi provengano da una pianta madre originale. 

Se stai acquistando in un negozio fisico, puoi chiedere al venditore un seme adatto a un coltivatore per principianti. Può raccomandare alcune varietà non molto esigenti e quindi perfette per avere la tua prima esperienza.

Quali sono le fasi della crescita della cannabis?

Le fasi di crescita della cannabis possono essere suddivise in quattro passaggi principali:

  • Germinazione (3-10 giorni)
  • Semina (2-3 settimane)
  • Vegetazione (3-16 settimane)
  • Fioritura (da 8 a 11 settimane)

La germinazione dei semi di cannabis

La durata della germinazione dei semi è da 3 a 10 giorni. Il ciclo della luce della cannabis è di 18 ore al giorno all'interno e 6 ore al giorno fuori.

In questa fase, il seme di cannabis dovrebbe essere duro e asciutto al tatto. Deve anche avere un colore marrone e chiaro con marrone scuro. Un seme non sviluppato sarà generalmente morbido e verde o bianco. In questo caso, probabilmente non germonerà.

Dopo la germinazione del seme, è pronta per essere collocata nel suo terreno di coltura. La radice girevole affonderà mentre lo stelo della pianta si estenderà verso l'alto. Man mano che le radici si stanno allargando, lo stelo sta aumentando. È allora che inizierai a vedere le prime foglie iconiche in un fan.

Lo stadio della piantina nelle piante di cannabis

La durata dello stadio nella cannabis è da 2 a 3 settimane. In questa fase, la pianta inizia a sviluppare le foglie tradizionali della cannabis dei fan. Si consiglia di non annaffiare troppo la cannabis allo stadio delle piantine. Le sue radici sono ancora molto piccole per avere un grande requisito d'acqua.

In questa fase, la pianta è anche vulnerabile alle malattie e alla muffa. È quindi importante mantenere il tuo ambiente pulito e prestare attenzione all'umidità in eccesso. Ha anche bisogno di molta luce. Anche se pianifichi una cultura esterna, si consiglia di iniziare con i semi all'interno di una luce artificiale. Ciò consente loro di passare con successo lo stadio di Plantle che è molto delicato per la loro crescita.

Si noti che l'acquisto di clone da un agricoltore consente di saltare la fase dei semi dei semi.

La fase vegetativa delle piante di cannabis

La durata della fase vegetativa è da 3 a 16 settimane. Questo è lo stadio in cui la crescita della pianta è davvero notata. Le piante vengono trapiantate in vasi più grandi. Le radici e il fogliame si sviluppano rapidamente. 

In questa fase, si consiglia di aumentare l'irrigazione man mano che lo sviluppo delle piante avanza. Quando è giovane, l'irrigazione deve essere eseguita vicino allo stelo. Man mano che cresce, le radici si sviluppano verso l'esterno. Di conseguenza, l'irrigazione deve essere eseguita ulteriormente dallo stelo nel terreno. Ciò consente alle radici di assorbire l'acqua in modo più efficace. Nella fase vegetativa, le piante di cannabis apprezzano un terreno sano ricco di nutrienti. Quindi non esitare a dare un alto contributo di azoto.

La fase vegetativa è anche il momento perfetto per conoscere il sesso delle tue piante. Quest'ultimo inizia a far vedere ai loro organi sessuali poche settimane dopo la fase vegetativa. Quindi assicurati di separarli in base al sesso per evitare l'impollinazione delle femmine da parte dei maschi.

La fase di fioritura della pianta di cannabis

La durata dello stadio di fioritura è di 8-11 settimane. Questa è la fase finale della crescita di una pianta di cannabis. È in questa fase che inizia lo sviluppo delle gemme conifere e che il tuo duro lavoro sarà svolto. 

All'esterno, questo periodo corrisponde al passaggio dall'estate all'autunno. La pianta quindi riceve meno luce e la fioritura avviene naturalmente. Per i coltivatori di interni, la fioritura viene attivata abbassando la quantità di luce che le piante ricevono. In generale, si consiglia di passare da 18 a 12 ore di luce al giorno.

Quando le piante passano dalla fase vegetativa alla fase di fioritura, devono essere presi in considerazione alcuni cambiamenti.

  • Per non disturbare i loro ormoni, non si raccomanda di potare le piante che prosperano;
  • Per sostenere le gemme durante il loro sviluppo, le piante devono essere pallide;
  • Per promuovere la fioritura, è consigliabile creare un fosforo.

In sintesi

La cannabis è una pianta meravigliosa che può essere coltivata all'interno o all'esterno in quasi tutti i climi. Il modo migliore per iniziare a coltivare la cannabis è scegliere una modalità culturale e acquistare semi di buona qualità. Una volta fatto questo, sarai sulla buona strada per apprezzare un'erba di buona qualità.

PARTAGER SUR

PARTAGER SUR

TI PIACERA' ANCHE