Silent-Seeds-Logo-Blog

LA CANNABIS PUÒ SOSTENERE L’AGRICOLTURA RIGENERANTE?

L’agricoltura rigenerativa descrive le pratiche agricole e di pascolo che, tra gli altri vantaggi, inverte i cambiamenti climatici ricostruendo la questione organica del suolo e ripristinando la biodiversità dei terreni degradati, il che porta a una diminuzione del carbonio e di un aggiornamento un po ‘d’acqua.

Più specificamente, l’agricoltura rigenerativa è una pratica olistica di gestione del territorio che sfrutta il potere di fotosintesi Piante per chiudere il ciclo del carbonio e rafforzare la salute del suolo, la resilienza delle colture e la densità dei nutrienti. L’agricoltura rigenerativa migliora la salute del suolo, principalmente grazie alle pratiche che aumentano la questione biologica del suolo. 

Ciò non solo aumenta la diversità e la salute del biote del suolo, ma anche per aumentare la biodiversità al di sopra e sotto la superficie del suolo, aumentando al contempo la capacità di ritenzione idrica e rapendo carbonio a maggiori profondità, riducendo così i livelli di CO2 atmosferici dannosi e migliorando il clima e migliorando La struttura del suolo per invertire la perdita del suolo causata dall’uomo, che minaccia la civiltà. 

La ricerca continua a rivelare gli effetti dannosi su Aratura del terreno, Applicazioni di sostanze chimiche agricole e fertilizzanti sale, nonché estrazione di carbonio. L’agricoltura rigenerativa inverte questo paradigma per costruire il futuro.

Cannabis e ambiente

L’IMPATTO DELL’INDUSTRIA DELLA CANNABIS SULL’AMBIENTE

Perdita di terreni fertili e La biodiversità del pianeta, così come la scomparsa di semi e conoscenze native, costituiscono una minaccia mortale per la nostra futura sopravvivenza. Secondo il suolo, all’attuale ritmo della distruzione del suolo (decarbonizzazione, erosione, desertificazione, inquinamento chimico), entro 50 anni, non solo subiremo gravi danni alla salute pubblica a causa di un approvvigionamento alimentare qualitativamente degradato, caratterizzato da una diminuzione della nutrizione e una perdita dioligoelementi IMPORTANTE, ma avremo letteralmente abbastanza terreni per nutrirci. 

Lire cet article  Le 10 migliori varietà sativa

Se non proteggiamo e non rigeneriamo il suolo dei nostri 4 miliardi di ettari di terreni agricoli coltivati, i nostri 8 miliardi di ettari di pascoli e i nostri 10 miliardi di ettari di foreste, sarà impossibile nutrire il mondo, mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 2 gradi Celsius o per fermare la perdita di biodiversità.

QUALI SONO I VANTAGGI DELLA RIGENERAZIONE DELL’AGRICOLTURA PER COLTIVATORI E CONSUMATORI DI CANNABIS?

L’industria della cannabis sta crescendo e anche il suo potenziale di inquinamento. Come qualsiasi altra cultura, la cultura di Cannabis Su larga scala ha un impatto sull’ambiente. L’agricoltura rigenerativa potrebbe essere la risposta naturale alla necessità di prodotti di cannabis più sostenibili. Leggi il resto per scoprire come la cultura della tua cannabis può anche essere rigenerativa.

Convertire una cultura di Cannabis L’ordinario in una cultura rigenerativa richiede un certo sforzo. La creazione di uno sfruttamento rigenerativo completamente nuovo richiede ancora più sforzi. Tuttavia, l’agricoltura rigenerativa offre alcuni vantaggi che potrebbero essere correttamente monetizzati. Ecco i principali vantaggi per i consumatori di derivati ​​di cannabis dall’agricoltura rigenerativa:

  • Miglioramento del sapore del prodotto
  • Maggiore quantità di composti benefici
  • Nessun residuo chimico
  • Nuovi ceppi e linee genetiche si sono adattati a livello locale

Ecco i potenziali vantaggi dell’agricoltura rigenerativa per coltivatori, cittadini e qualsiasi altra persona interessata:

  • Aiuta a ripristinare gli ecosistemi e i pavimenti naturali
  • Prevenzione naturale o riduzione dei parassiti
  • Riduzione del consumo di acqua
  • Riduce il consumo di energia
  • Elimina fertilizzanti e pesticidi chimici
Cannabis Rigenerare l'agricoltura

LA COLTIVAZIONE RIGENERATIVA DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI DEL RIMEDIO ALLA CANNABIS? 

Anche se l’industria della cannabis è solo una piccola parte del grande mercato agricolo, a livello locale, ogni coltivatore può apportare piccole modifiche per ridurre il suo impatto sull’ambiente.

Lire cet article  10 BUONE RAGIONI PER COLTIVARE LA CANNABIS FEMMINIZZATA

Piccoli passi verso un’economia di cannabis più sostenibile furono fatti qua e là nel mondo. In California, è stato creato un nuovo premio per premiare i coltivatori di cannabis che applicano tecniche agricole rigenerative: il Premio per la fattoria di cannabis rigenerativa. Ancora più importante, le persone stanno iniziando a chiedere da dove proviene la loro cannabis e come viene coltivata.

Sempre più produttori di cannabis organica stanno entrando in scena, mentre milioni di persone stanno già coltivando la propria cannabis in loro in modo duraturo. L’industria della cannabis e della canapa dovrebbe adottare le pratiche culturali rigeneranti quando possibile, al fine di avere un impatto positivo sia sulle persone che sull’ambiente. Mostrando l’esempio, l’industria della cannabis può dare ancora maggiore legittimità alla pianta.

IN CHE MODO L’AGRICOLTURA RIGENERATIVA PUÒ AIUTARE I COLTIVATORI DI CANNABIS A RAFFORZARE LA LORO SOSTENIBILITÀ

L’agricoltura commerciale e le pratiche agricole possono essere difficili per l’ambiente, spogliando il terreno dei suoi nutrienti naturali, riducendo la ritenzione idrica, distruggendo gli ecosistemi simbiotici e infine inibendo la crescita delle piante dopo anni di agricoltura rapida forzata. L’agricoltura rigenerativa si concentra sul mantenimento e il miglioramento della qualità del suolo, della biodiversità e della resa delle colture grazie a metodi sostenibili di semina e raccolta. 

Dopo un raccolto, gli agricoltori commerciali sono costretti a ricostruire e riparare il terreno che hanno danneggiato con fertilizzanti artificiali e sostanze chimiche. Nell’agricoltura rigenerativa, ogni elemento del processo aiuta a prevenire la perdita di nutrienti, per aumentare la naturale capacità del suolo per sostenere la vita vegetale rafforzando la rete del suolo, il che riduce la necessità di utilizzare sostanze chimiche artificiali e a pesticidi aggressivi. 

Lire cet article  COME COMBATTERE ALTERNARIA NELLA COLTIVAZIONE DELLA CANNABIS?

La fondazione dell’agricoltura rigenerativa è “completare il ciclo”, vale a dire di cercare di riutilizzare o riciclare le risorse al maggior numero possibile di fasi del ciclo di vita del pianta di cannabis.

Il costo iniziale di lancio di tale sistema può essere elevato, ma i suoi sostenitori affermano che i benefici valgono il problema a lungo termine.

Per i coltivatori interni ed esterni, questo include:

  • L’uso di terreno vivente che non richiede nutrienti.
  • Cattura le acque reflue per riutilizzarle.
  • Ridurre il consumo di energia utilizzando aria esterna più fresca per ridurre la temperatura di una coltura interna o di una serra.
  • Incorporare un sistema di controllo parassitario integrato utilizzando determinati insetti, acari e organismi.
  • Usa imballaggi ecologici.
Agricoltura rigenerativa di cannabis

Conclusione :

La reputazione della cannabis è il più verde possibile. Non solo è una pianta che produce ossigeno e assorbe l’anidride carbonica, ma le sue virtù della medicina alternativa e la sua etica hippie sono spesso associate al movimento ambientale.

Tuttavia, le piante di cannabis consumano circa il doppio dell’acqua del mais, della soia, del grano e dell’uva, secondo Uno studio pubblicato nel 2021 sul Journal of Cannabis Research. Inoltre, la cultura interna richiede un’illuminazione significativa e il controllo del clima, il che lo rende particolarmente consumato dall’energia.

Gran parte della sfida ambientale del settore viene dalla stessa pianta: non solo questa pianta, a cui piace il sole, ha bisogno di più luce di molte culture, ma è anche estremamente sensibile all’umidità nelle ultime settimane di fioritura. Ciò può promuovere la formazione di stampi e richiede sistemi di deumidificazione che consumano energia.

Vous avez aimé cet article ?
Partager sur Facebook
Partager sur Twitter
Partager sur Linkedin
Partager sur Pinterest