Silent-Seeds-Logo-Blog

COME ANNAFFIARE LA PIANTA DI CANNABIS?


  • Quando inizi nella coltivazione della cannabis, tutto sembra complicato quando una persona inizia a guardare i diversi aspetti legati a questa attività, perché è necessario avere alcune nozioni di base.
  • Cose abbastanza semplici, come la scelta di un buon terreno, fertilizzanti e vasi per esempio, non sono facili per qualcuno che non ha mai lavorato in giardino.
  • Questo è il motivo per cui stiamo guardando oggi un argomento che può sembrare semplice ma che richiede ancora una certa metodologia come un certo rigore, che è semplicemente come annaffiare la pianta di cannabis.

È abbastanza probabile che alcuni di voi pensano che questa parte della coltivazione della cannabis non abbia difficoltà particolari e che l’irrigazione di un piano di cannabis sia certamente la cosa più semplice da fare. In realtà, non è così semplice ed è meglio prendere atto di alcuni aspetti essenziali, Al fine di ottimizzare il pieno potenziale dei semi di cannabis che hai acquistato.

È importante diventare consapevoli che questo aspetto avrà un impatto diretto sulla quantità come qualità del tuo raccolto. Una cosa di base che si ripete abbastanza spesso è che coltivatori principianti come l’amico Jerome, si chiedono qual è la quantità di acqua come il fertilizzante da usare per annaffiare la loro pianta di cannabis.

Dovresti sapere che dipende dalle condizioni climatiche della regione, dal tipo di substrato e pentola utilizzati, dalle dimensioni della pentola e dalle esigenze dell’ibrido coltivato. È un insieme di fattori associati, a cui deve essere data la massima considerazione per ottenere un raccolto abbondante e di migliore qualità.

image

CONDIZIONI CLIMATICHE

La parte climatica è certamente quella che avrà la maggiore influenza sulla frequenza della diversa annaffiatura che dovrai eseguire. Sia per una cultura interna o esterna, è fondamentale adattare la tua attrezzatura, i tuoi strumenti come i diversi aspetti relativi alla tua entusiasmante attività, al clima in base al quale lavorerai. È importante sapere come anticipare i problemi, imparando le condizioni meteorologiche precise, per prepararsi alla fine per lo stabilimento e lo sviluppo all’aperto.

Dovrai imparare a domare le condizioni climatiche, tra cui l’intensità della luce, le temperature e il livello di umidità, all’interno e all’esterno. Immagina di iniziare la tua stagione “all’aperto”, mettendo le piante di cannabis un po ‘troppo presto nella stagione, quando è ancora freddo e quando la pioggia è ancora frequente alla fine dell’inverno per esempio.

In questo caso specifico, hai le condizioni ideali per una crescita lenta, con una probabilità abbastanza elevata che le malattie fungine come i parassiti attaccano rapidamente le tue care piante di cannabis. In modo semplificato, questo è l’inizio dei problemi …

Per tutti questi motivi, è fondamentale scoprire bene i valori delle temperature e dell’umidità che sono attuali e notte, nell’area geografica in cui coltiva. Questi due valori ti daranno un’idea dei vincoli climatici a cui saranno esposti a un periodo specifico, oltre a diversi indicatori complementari che spieghiamo di seguito.

image

Nel caso in cui coltivi in ​​un ambiente in cui la temperatura viene sollevata in modo permanente, dovrai quindi pensare a posizionare il pacciame sulla superficie del substrato, ma anche una certa quantità complementare di perlite sulla superficie del terreno Ultimo direttamente con il tuo terreno.

Questi componenti hanno la funzione di proteggere le piante di calore, poiché promuovono notevolmente la ritenzione idrica nel suolo, limitano anche l’evaporazione e regolano la temperatura nel terreno allo stesso tempo.

Lire cet article  CRONOLOGIA DELLA CANNABIS AUTOFIORENTE

Il vantaggio finale di questa azione è che ciò aiuta a ridurre notevolmente la frequenza di ogni irrigazione come le stress d’acqua associati. Lo scopo è di ottimizzare l’uso dell’acqua, che ha un’importanza ecologica del capitale in questi giorni, e che proteggi allo stesso tempo il buon equilibrio delle tue radici.

È importante posizionare le piante nelle migliori condizioni, in modo da assimilare tutte le risorse di cui hanno bisogno fino alla raccolta. È necessario pensare di rinfrescare il baldacchino delle piante di cannabis spruzzandole con acqua durante la crescita, evitando al contempo di lasciare grandi gocce su quest’ultima, il che potrebbe causare ustioni. Ricorda inoltre di somministrare la quantità di nutrienti adatti per ogni fase dell’evoluzione della pianta, ciò ottimizzerà il loro potenziale e rafforzerà il loro sistema immunitario allo stesso tempo.

Impara a valutare e memorizzare con una certa precisione, il livello di fabbisogno idrico di ciascuna delle piante di cannabis. È molto semplice, valuta manualmente il peso di una pentola piena di terreno in condizioni asciutte, ma anche la stessa pentola la cui terra sarà bagnata come quando si cospargi le piante di cannabis, quindi esattamente la stessa quantità di acqua di quella dell’irrigazione e mantieni In memoria il peso dei vasi sollevandole manualmente.

Hai lì, il miglior consiglio, il più sicuro e meno costoso, per valutare la necessità dell’acqua per le piante di cannabis in tutto il mondo e persino nelle condizioni più precarie. Il verdetto è implacabile e veloce, non ti sbaglierai mai una volta assimilato. Alcuni penseranno che un sistema di irrigazione automatizzato di tipo gocciolante sia la soluzione migliore per evitare tutti i problemi di irrigazione, solo la realtà non è sempre così semplice, perché esiste una moltitudine di fattori associati che devono essere presi in considerazione. 

image

Mentre il periodo autunnale si avvicina, che è anche quello del raccolto, dovrai sentire la tendenza opposta, vale a dire se le piogge sono frequenti e le temperature piuttosto fresche, sarà quindi necessaria la frequenza di annaffiatura e per essere Vigilanti quando si tratta di possibili funghi dannosi (Oïdium, Mildiou, Botrytis ecc.) Per molte colture di marijuana. Un’altra cosa, sarà importante scegliere i semi che stai per acquistare, in modo che siano adattati ai pericoli climatici in base ai quali si svilupperanno.

COMPOSIZIONE DEL SUOLO

Questo è un tema importante, perché la capacità dell’evaporazione del suolo non è la stessa in base ai diversi elementi usati per strutturare quest’ultimo. Se coltivano ad esempio usando una grande parte di fibre di cocco, l’evaporazione sarà più veloce di una miscela di terra, per esempio.

L’uso del terriccio, della torba bionda, della torba marrone o persino della perlite è interessante, perché questi quattro elementi hanno una significativa capacità di ritenzione idrica. Tutto questo per farti capire, che è importante adattare la composizione del terreno in relazione al clima e le diverse esigenze della pianta di cannabis che coltiva.

Una pianta di cannabis di autofolia apprezzerà la presenza di fibre di cocco al 30% in termini di substrato, semplicemente perché questo tipo di pianta necessita di ossigenazione significativa nel suolo, al fine di accelerare tutti i metabolismi e la crescita allo stesso tempo, perché il Il periodo di crescita di un’auto dura solo circa venti giorni.

Lire cet article  VAPORIZZAZIONE DELLA CANNABIS: UN MEZZO DI CONSUMO CHE HA IL FUTURO

È quindi necessario fornirgli il più possibile in un minimo di tempo per ottimizzare il suo potenziale. Per questi stessi motivi, può essere interessante utilizzare vasi con una capacità tra 15 e 20 litri all’aperto, Per coltivare le piante da semi che si auto, poiché con terreni ben ariosi e tale capacità di substrato, la resa sarà ottimizzata e qualitativa.

A differenza delle piante automatiche, le varietà di cannabis fotoperiodica apprezzano più un terreno con una consistenza più densa e umida. Si sentono meglio in una miscela di terreno stabile, supportano le carenze idriche meno bene delle auto. Sarà quindi necessario armonizzare sia la frequenza che la quantità di acqua e sostanze nutritive durante queste diverse irrigazione per settimane. Ricorda anche di analizzare il valore del pH, nel caso in cui si usi l’acqua del rubinetto.

image

DIMENSIONE DELL’IMPIANTO E CAPACITÀ DEL SUBSTRATO 

Queste due parti sono direttamente collegate, poiché maggiore è la capacità del substrato, più il sistema radicale può svilupparsi e logicamente più grande è l’impianto. Sarà inoltre necessario regolare la quantità di acqua e i nutrienti corrispondenti.

Un errore che i principianti commettono abbastanza frequentemente, è che se mettiamo una piccola pianta con 1-3 settimane di vita in una pentola grande con una capacità compresa tra 25 e 50 litri, ad esempio, avrà un bisogno di acqua abbastanza bassa in quel momento , rispetto alle sue esigenze di acqua durante la sua fase di fioritura qualche settimana dopo. È importante sapere come adattarsi alla situazione in tutte le circostanze.

La logica dimostra in questo caso specifico che sarà necessario effettuare annaffiature rare durante questo periodo, una singola annaffiatura settimanale sarà certamente sufficiente, tuttavia è necessario rimanere vigili nei pericoli climatici del sito in cui coltivi. Man mano che la crescita di ciascuna pianta avanza e quindi le dimensioni aumentano, sarà ovviamente necessario adattare le proporzioni dell’acqua come nei nutrienti.

Inizialmente, l’errore comune commesso da molti coltivatori è che affogano le radici in acqua in modo che il terreno sia saturo, la conseguenza a ciò è che ha significativamente rallentato la crescita della pianta di cannabis coltivata.

Ciò può essere spiegato da un’asfissia radicale localizzata, vale a dire che la mancanza di ossigeno nel terreno porta a problemi di assorbimento d’acqua e sostanze nutritive nelle radici. È per lo stesso motivo che la punta di irrigazione minimalista ma molto efficace trasmessa sopra, risulta essere un prezioso aiuto fin dall’inizio.

Tuttavia, dovrai stare attento a non lasciare le radici troppo a lungo in un substrato troppo saturo di acqua, perché altrimenti potresti vedere apparire Una malattia fungina chiamata Fusarium, la cui origine in questo caso è la putrefazione delle radici. I primi sintomi sono più spesso, una crescita lenta nelle piante di cannabis. 

image

La cosa da evitare a tutti i costi durante le prime 3 settimane di crescita è saturare il substrato idrico, poiché ciò potrebbe rallentare drasticamente il periodo di crescita delle piante di cannabis. È molto necessario prendersi cura di creare questa alternanza tra terreno umido e terreno ossigenato senza essere in grado di essere completamente asciutto. Limitare le dimensioni della struttura della pianta e lo sviluppo di radici significa anche riduzione della capacità di produzione di ciascun impianto.

Lire cet article  COME OTTENERE SEMI DI CANNABIS?

Se cospargi eccessivamente durante questo periodo, potrebbe anche causare un grave problema, come l’indebolimento del sistema immunitario della pianta, o persino la decomposizione delle radici che alla fine darebbero origine all’aspetto di determinati funghi e dannosi. Questo porta quindi a una reazione nella catena caotica. È un grande interesse per essere meticolosi nel modo in cui si fa irrigazione, è vero che richiede un certo periodo di apprendimento.

Ricorda il metodo di pesatura manuale intuitivo o la valutazione del peso manuale, ti assicuro che funziona anche su colture in vasi su larga scala. Se ritieni che una pentola abbia un peso anormalmente basso relativo alle sue dimensioni e a ciò che contiene, puoi quindi concludere che la Terra è troppo secca.

Al contrario, se ti sembra che il suo peso sia eccessivamente pesante, è che la terra è satura di acqua. Quando le foglie cadono verso il basso, è un segno molto cattivo, perché significa che le piante interessate si trovano in una fase di carenza d’acqua avanzata, è necessario reagire e acqua in emergenza!

Non è bene lasciare che un terreno si disidrati completamente, perché tutti gli elementi del suolo avranno difficoltà durante un certo periodo per recuperare la sua idratazione e la capacità del conducente dell’acqua, che genera alcuni stress alla pianta perché non è idratato correttamente. E come direbbe il nostro caro Girase, non è così sottile.

image

È importante trovare la giusta frequenza di irrigazione corrispondente a ciascuna fase di sviluppo, in modo che le piante ricevano la giusta quantità di acqua accompagnata da tutti i nutrienti necessari per l’espressione di tutto il loro pieno potenziale. Questi suggerimenti sono validi anche per le colture in piante alte CBD realizzate con semi. Ricorda sempre di misurare la temperatura come il pH dell’acqua del rubinetto, poiché questa è molto variabile da una regione all’altra.

È importante garantire sempre una buona salute e una buona apparizione delle foglie delle tue piante di marijuana durante la cultura, perché esprimono cose che sono interessanti da analizzare, come le diverse carenze di acqua e fertilizzanti durante le diverse fasi che compongono il ciclo di coltivazione delle piante .

Ti mostrerà una grande capacità analitica settimana dopo settimana, al fine di rilevare aspetti falliti e naturalmente logici. Devi sempre pensare che qualsiasi problema abbia la sua soluzione, che è una realtà del nostro mondo. Impara a rilevare i diversi cambiamenti di colore che appaiono sulle foglie e soprattutto ciò che esprimono. Il più delle volte testimoniano le varie carenze o l’eccesso di nutrienti o in acqua da cui soffrono le piante di marijuana. 

Dovrai anche essere una vigilanza molto speciale quando ti avvicini alla fine del periodo di fioritura, perché quando il tasso di umidità ambientale aumenta naturalmente quando l’arrivo di piogge più abbondanti dall’inizio di settembre, che è anche accompagnato dal calo delle temperature, i I rischi di problemi legati alla muffa sono importanti. Sarà quindi necessario ridurre la quantità di acqua durante l’irrigazione, a seconda dell’umidità presente nella settimana aerea dopo settimana in questa fase.

Vous avez aimé cet article ?
Partager sur Facebook
Partager sur Twitter
Partager sur Linkedin
Partager sur Pinterest