Silent-Seeds-Logo-Blog

FIERE CANNABICHE IN SPAGNA

Bandiera spagnola con foglia di cannabis

In questo articolo, ti parliamo di tutto ciò che devi sapere sulle fiere della cannabis in Spagna. Evochiamo la cronologia storica del loro aspetto in tutto il paese, nonché il loro ruolo essenziale per un intero industria. Successivamente, ti spieghiamo anche quali sono i “club sociali di cannabis”, come questo concetto associativo basato sulle opere di produzione condivisa, le date strategiche della sua nascita, la sua evoluzione generale attraverso la penisola, nonché la grande fragilità che lo circonda ancora ad oggi.

SALONI DI CANNABIS IBERICA

Le fiere cannabiche spagnole sono eventi festivi grandi e belli che riuniscono tutti gli attori del mercato e gli amanti della cannabis da 2002, data su cui si è tenuta Prima edizione di The Spannabis al Palau Sant Jordi a Barcellona. Prima della pandemia di Covid-19, abbiamo totalizzato a decine di saloni cannabico Annuali in tutto il paese. Questi eventi hanno avuto una presenza incredibile, in particolare il Spannabis, a causa della sua fama internazionale. Ha attratto le aziende più famose del settore, visitatori di massa, da paesi come Stati Uniti, Canada, Australia, Colombia, Uruguay, Cile, Argentina, Messico, Cina, Israelee la stragrande maggioranza dei paesi europei era rappresentata. Con una frequenza media che supera 30.000 visitatori al giorno, è abbastanza facile rendersi conto che rappresentava il principale evento del settore del mercato europeo, in cui una pletora di professionisti poteva incontrarsi, ma anche gli appassionati di esperti nei produttori di campo e cannabis.

Durante questi eventi festivi, potresti avvicinarti a un gran numero di professionisti del settore sui loro stand, offrendo un Gamma di servizi molto completi (Comunicazione di marketing/digitale, stampa/pubblicità cannabica, studi legali specializzati e altri servizi specifici), nonché tutti L’attrezzatura necessaria per la coltivazione delle piante. Abbiamo trovato lì, tra le altre cose, Semi, fertilizzanti, armadi di coltura, lampade, ventilazione, sistemi di gestione autonoma (irrigazione/illuminazione/aerazione/CO2), di varie cultura (Idroponia/aeroporto/NFT, ecc.), vasidispositivi anti-odor (Filtri a carbone attivi/aerosol/gel e blocchi deodoranti) e trattamento delle acquemacchine per la raccolta o anche arredamento e materiali di consumo per la buona conservazione del raccolto (Set di legno di cedro, barattoli di vetro decorato, contenitori di canapa/materiali riciclati). Il settore è cresciuto bene nell’ultimo decennio, perché c’era davvero l’intera panoplia piena e pratica del “Perfect Little Grass Cannabulteur”

Lire cet article  COME COLTIVARE SEMI DI CANNABIS?

 Foglie di cannabis leggera viola

Spannabis era il pioniere del genere, con più di 17 edizioni che ha avuto luogo negli ultimi due decenni. Ad ogni edizione, la città di Barcellona sta vivendo una folla enorme, in particolare grazie a Club sociali di cannabis (CSC) premesse che organizzano molti eventi. Tra le altre fiere del settore, è stato possibile partecipare 2008 al Highlife of Pamplona, Espocannabis A Madrid dal 2010, Spannabis a Malaga, Growmed, che è diventato recentemente Cantamed in Valence, Expogrow a Irun dal 2012, Expocañamo a Siviglia, Viñagrow a Villarrobledo e Intercannabis ad Alicante.

Il numero totale di fiere cannabiche è indicativo di sviluppo e La rilevanza del settore dal 2010. L’industria della cannabis suscita una mania forte a qualsiasi livello.

Tutti questi eventi hanno avuto luogo senza il minimo gancio per più di 20 anni, ma non potremmo temere la scomparsa di queste fiere nel prossimo futuro?

Sappiamo perfettamente con l’obiettivo di questo tipo di evento, che è quello di riunire la più ampia tavolozza di professionisti del settore e offrire l’opportunità al pubblico di poterli soddisfare direttamente. È anche un evento festivo, dove Molte attività divertenti Diversi e vario (concerti, giochi, ecc.) Per intrattenere il pubblico, con anche Stands di restauro. Tutto ciò rappresenta una percezione principale, ma il ruolo essenziale di queste fiere della cannabis è soprattutto promuovereanimare e di Incremento tutte le attività nel settore, con l’obiettivo di promuovere la crescita economica, ma anche perpetuare questa Facoltà pieno.

Attraverso queste poche righe, comprendiamo che ci troviamo di fronte a un grande sconosciuto, ma soprattutto che tutto è possibile, motivo per cui è meglio rimanere obiettivi e aspettare di vedere come si evolveranno le cose.

Lire cet article  COME GESTIRE UNA MUFFA IN POLVERE IN UNA CULTURA DELLA CANNABIS?
Sfondo giallo e rosso e cannabis

THE CANNABIS SOCIAL SPANISH CLUBS (CSC)

Il ” Club sociali di cannabis »O club sociali di cannabis, sono Strutture associative per no profit, composte esclusivamente da adulti. Ogni club di cannabis è composto da un Gruppo di membri il cui numero è limitato, che condivide, organizza e gestisce la coltivazione della cannabis, la sua produzione e la distribuzione della cannabis in un circolo chiuso, esclusivamente per le esigenze personali dei loro membri e non più per scopi industriali. È un modello di regolamentazione di cannabis abbastanza fragile che troviamo a livello internazionale, in paesi come ilSpagna, Nuova Zelanda, Belgio, Paesi Bassi, Slovenia, Uruguay, Germania e Inghilterra. Il primo dei club di cannabis è apparso nella penisola iberica Arsec in 1993 (Asociación Ramón Santos de Sébédios Sober El Cannabis), seguito dal CCCB (Barcellona Cannabis Catadore Club) e il Maca (Moviment Associatiu Cannàbic d’Autoconsum). Queste 3 associazioni erano catalane, quindi L’Amec (L’Asociación Madrileña de Esttudios Sober El Cannabis) è stato creato a Madrid, seguito da Arseca in Andalusia. Tutti questi club associativi fanno parte della storia della cannabis spagnola. Sono emerse molte nuove associazioni cannabiche 2002, attraverso il territorio spagnolo. Questo dispiegamento è stato condotto a seguito della decisione del tribunale che afferma che l’auto -cultura delle piante di cannabis, per il consumo personale, non costituisce un crimine, dal momento non c’è scopo di traffico comprovato. Più di 1.600 club sociali di cannabis verrebbero identificati in tutta la Spagna, il che riflette l’entità del fenomeno.

“DIVERSI CLUB SOCIALI DI CANNABIS HANNO CONOSCIUTO I TRIBUNALI DEI TRIBUNALI”

Anche se è trascorso molto tempo dall’aspetto dei primi CSC, Tuttavia, questo modello associativo rimane molto fragile. Nonostante una percezione con l’opinione pubblica che sta diventando sempre più favorevole nel tempo, questo non è sufficiente. Solo un vero regolamento consentirebbe loro di intravedere un futuro più sereno. Purtroppo, Ci sono molti CSC che subiscono regolarmente interventi dalla polizia spagnola Per molteplici motivi. Questo movimento nazionale è persino riuscito a creare diverse federazioni provinciali e regionali, nominate il Università (Federations of Cannabic Associations). Nelle recenti notizie, diversi club sociali di cannabis hanno conosciuto i tribunali dei tribunali, con condanne pronunciate dopo i loro rispettivi giudizi. Tale era il caso per AUETCG (L’Asociación de usuarios para el estudio teracéutico del Cannabis de Gandia), che è stato condannato dall’Audio di Valencia al Chiusura finale dell’associazione, una Tre pena detentiva per anni Per il presidente e due anni per il segretario e il tesoriere. L’associazione ” Casa Maria »De Pontevedra era anche Chiuso dalla Corte suprema provinciale, con la chiave Tre pena detentiva di tre mesi Per i suoi due fondatori. Anche l’acmefuer CSC situato a Las Palmas, nelle Isole Canarie, è stato condannato dal tribunale provinciale locale, di cui 13 membri ricevuti Termini di prigione che vanno da 6 a 15 mesi, insieme a multe forti fino a diverse centinaia di migliaia di euro.

Lire cet article  I 10 migliori semi di cannabis
Mantenendo teste di cannabis
Vous avez aimé cet article ?
Partager sur Facebook
Partager sur Twitter
Partager sur Linkedin
Partager sur Pinterest