Silent-Seeds-Logo-Blog

Quale seme di cannabis scegliere?

Coltivare la tua erba cannabis partire dal seme presenta numerosi vantaggi. Al giorno d’oggi, la maggior parte dei coltivatori di cannabis non avrà difficoltà a trovarne una selezione semi di cannabis alta qualità tra cui scegliere.

In effetti, molte aziende produttrici di semi ora si rivolgono a tutti i tipi di clienti, dai consumatori di cannabis terapeutica agli appassionati di ganja vecchio stile. Offrono, qualunque sia l’uso successivo all’acquisto, un buon numero di varietà. Quindi, se vuoi crescere cannabis, come si fa a trovare i semi giusti? In questo articolo troverai tutte le informazioni necessarie per scegliere i semi di cannabis.

Cosa dovresti considerare prima di acquistare semi di cannabis?

Quando si tratta di scegliere i semi per coltivare la cannabis, ci sono vari fattori da tenere a mente. Fondamentalmente si tratta di ciò di cui hai bisogno, di ciò che desideri e di ciò che hai (spazio, energia, ecc.). Avrete infatti a disposizione una vasta gamma di semi: Semi di cannabis autofiorenti, Semi di cannabis femminizzati (femminili),Semi di cannabis all’aperto e altro ancora. Ma prima, devi rivedere le tue esigenze specifiche e le condizioni in cui vuoi far germogliare il tuo seme di cannabis. Quindi prendi in considerazione i seguenti criteri.

Determina come e dove crescerà il tuo seme

Prima di acquistare i semi, ci sono alcuni modi rapidi per restringere la scelta. Prima di tutto, dovete pensare seriamente a come e dove coltiverete la vostra erba. Dipende se farai a coltivazione indoor o se coltivi all’aperto? Poi, com’è il clima? Scegli l’idro o la terra? Hai esperienza nella formazione piante di cannabis o la loro cultura?

Le risposte a queste domande possono fare la differenza tra un acquisto riuscito e una scelta inadeguata. Ovviamente, anche lo spazio che avete a disposizione, sia che coltiviate indoor o outdoor, determinerà in gran parte la scelta campione che selezioni.

Crea una lista dei desideri di ciò che stai cercando in una varietà

Questa parte è un po’ più divertente da considerare; cosa fa il cannabis dei tuoi sogni? Vuoi una varietà che ti aiuti a trovare sollievo da alcuni sintomi come quello di seme b-45, o come ispirazione per alcuni momenti divertenti a venire (seme dell’amnesia) ? Ti piace uno sballo energizzante o preferisci rilassarti sul divano? E poi c’è anche il sapore da considerare. Ti piacciono le varietà fruttate o preferisci qualcosa di più umido e speziato? Puoi creare una “lista dei desideri” in modo da sapere cosa cercare quando scegli i tuoi semi. Questo passaggio, che spesso viene ignorato, è davvero cruciale. Perché una volta che processo di germinazione avviato, non sarà più possibile modificare il risultato finale.

Prenditi il ​​tempo necessario per controllare le descrizioni dei semi

Una compagnia di semi rispettabile fornirà sempre informazioni utili al riguardo semi di cannabis quindi sai esattamente cosa stai ricevendo. In questo modo hai un’idea su:

  • Gli effetti e il sapore che avrà una varietà;
  • La facilità o difficoltà di coltivarlo;
  • I rendimenti che puoi aspettarti e quanto tempo ci vorrà prima del raccolto.
Lire cet article  BOOBA SI ALLEA CON SILENT SEEDS: LA B-45 LASCERÀ IL SEGNO!

Ti consigliamo quindi di rivolgerti a dei professionisti che puoi trovare online o nei negozi più vicini se la legalizzazione della cannabis è favorevole nella tua regione.

La tua lista di controllo per la selezione dei semi di cannabis

Una volta che hai in mente i fattori di base della tua scelta, arriva il passo di esaminare i diversi fattori decisionali. A seconda se vuoi piantare semi con gli stessi gusti del seme b-45 o il seme dell’amnesia, puoi anche effettuare una ricerca approfondita. Ma di seguito troverai un elenco completo di variabili da considerare quando acquisti i tuoi semi.

Cannabis sativa, indica o ibrida: quale scegliere?

La prima cosa che probabilmente vorrai considerare quando scegli una varietà è l’effetto che ha. Per fare ciò è fondamentale identificare le tre principali tipologie di semi di cannabis: indica, IL sativa e il ibridi. Ecco per voi una breve panoramica dei loro diversi effetti e profili di crescita. Tieni presente che la maggior parte delle cultivar moderne sono una sorta di ibrido, che combina gli effetti di diversi ceppi in rapporti diversi.Cannabis indica

Tra i consumatori esperti, le Indica sono apprezzate principalmente di notte. In effetti, producono un effetto piacevole e rilassante a livello fisico che gli esperti meglio descrivono come: alto. I segnali forti possono infatti essere così rilassanti da catalizzare ciò che chiamiamo “ foschia », uno stato di quasi-immobilità conseguente alla suddetta sedazione fisica. Durante la crescita, le indica normalmente rimangono piuttosto tozze, raramente superano il metro di altezza e hanno internodi corti. La maggior parte piante indica, tuttavia, sono anche bassi e si comportano bene indoor, indipendentemente dal fatto che si inizi con semi autofiorenti o meno.Cannabis sativa

Poi ci sono le sativa associate erba, Là erba. Queste varietà cerebrali ed energiche sono note per produrre un notevole ronzio mentale che è euforico e edificante. Alcune sativa sono addirittura descritte come “ psichedelici » per indicare il loro effetto sulla cognizione. Hanno infatti un’alta concentrazione di thc.

Queste varietà ovviamente non sono l’ideale se vuoi rilassarti o addormentarti, ma sono una soluzione fumo eccellente prima di escursioni, progetti creativi e imprese sociali. Le sativa pure sono in grado di raggiungere altezze massicce di oltre 10 piedi e appaiono come alberi alti e maestosi. In sintesi, le sativa sono piante più o meno giganti caratterizzate da un lungo periodo di fioritura. Iniziare con semi di sativa autofiorente, è più facile coltivare queste piante difficili in casa.Ibridi

Lire cet article  CHE COS'È LA MALATTIA DI SEPTORIAP O MACCHIE NELLA COLTIVAZIONE DELLA CANNABIS?

Gli ibridi sono semplicemente un ceppo che trasporta i due geni, vale a dire quelli di sativa e quelli di indica. Dovrai quindi, a seconda dei risultati attesi, misurare la dominanza dell’indica rispetto alla sativa e viceversa al momento dell’acquisto. Ad esempio, puoi trovare varietà al 70% indica e al 30% sativa, così chiamate ibridi prevalentemente indica.

Queste varietà probabilmente inducono ancora un effetto profondo e fisicamente rilassante grazie alla forte influenza indica, ma gli effetti sativa aiutano a bilanciare l’esperienza. La stessa regola si applica ad altri rapporti genetici. Gli ibridi appaiono in tutto lo spettro in termini di crescita; alcuni sono compatti, altri spinosi, ma molto raramente superano i 2 metri di lunghezza.

Va inoltre tenuto presente che non è solo il genotipo (genetica) a svolgere un ruolo nella selezione del ceppo. Anche il chemiotipo, chiamato anche composizione chimica, è un fattore da considerare. IL THC e il CBD, per non parlare dei terpeni, in definitiva svolgono un ruolo enorme nel profilo degli effetti finali di una varietà.

Cannabis terapeutica o ricreativa: cosa significa per te?

Al giorno d’oggi, molte persone usano la cannabis non (solo) per godersi un buon effetto, ma per scopi medicinali. Alcuni usano cannabis per curare il dolore, altri dosano l’erba per alleviare l’ansia o addormentarsi. Il disturbo che stai cercando di alleviare gioca un ruolo nella scelta della tua varietà. Dopotutto, alcune varietà terapeutiche, come quelle ad alto contenuto di CBD e a basso contenuto di CBD THC, non catalizzano affatto lo sballo, fornendo invece esclusivamente benefici terapeutici. Altri ceppi medicinali contengono alti livelli di THC per trattare i sintomi di condizioni specifiche, come ad esempio la perdita di appetito. Nella maggior parte dei casi, le varietà terapeutiche tendono ad avere una buona dose di CBD con una leggera concentrazione di thc.

In definitiva, la connotazione di cannabis medica sta a te. La cannabis ricreativa è ancora più facile da descrivere. Questa è l’erba che prendi semplicemente per il tuo piacere. Se per te è più importante un grande effetto, probabilmente vorrai un’indica o un ibrido forte che ne contenga soprattutto THC. Altrimenti, questa è la sativa di cui hai bisogno.

Tipi di semi di cannabis da acquistare

Puoi ordinare semi di cannabis online dalle banche dei semi, ma può creare confusione con tutti i diversi tipi di semi disponibili. Quando cresci cannabis, anche il tipo di seme che si sceglie è di grande importanza. Sono disponibili tre tipi di semi.

  • Semi regolari;
  • Semi fotoperiodici femminizzati; E
  • Semi autofiorenti.

Allora, quale varietà di semi di cannabis vuoi coltivare?

Semi regolari

Lire cet article  COME OTTENERE SEMI DI CANNABIS?

IL semi di cannabis Le piante normali possono trasformarsi in piante femminili o maschili. Non sono più così popolari come una volta, anche se i coltivatori esperti giurano su di loro sostenendo che producono i migliori risultati. Lo svantaggio dei semi regolari è che il coltivatore medio dovrà identificare rapidamente i maschi e scartarli per prevenirli femmine impollinare. Ancora una volta, se stai crescendo cannabis, avrai ovviamente bisogno di piante maschili.Semi femminizzati a fotoperiodo

Poiché sono le femmine a produrre cime ricche di resina, questa è la scelta che fa la maggior parte dei produttori. Se coltivi indoor, ad es. a Cultura indianar, controllerai le fasi di crescita del piante di cannabis piante femminizzate fotoperiodiche con un timer per la luce di coltivazione.

Nella fase vegetativa, le coltivi con 18-24 ore di luce, quindi inizi a fiorire attivando il timer a 12 ore accese e 12 ore spente. Il fotoperiodo afferma sostanzialmente che le piante fioriranno solo una volta che l’esposizione alla luce è stata ridotta abbastanza da imitare il naturale cambio delle stagioni. Ciò significa che il piante fotoperiodiche femminizzate Tecnicamente, la coltivazione indoor può essere mantenuta nella fase vegetativa per tutto il tempo che si desidera, se viene data abbastanza luce.Semi autofiorenti

Contrario a cannabis fotoperiodo, l’erba autofiorente inizia a fiorire da sola dopo circa 4 settimane. L’ora esatta può variare, ma le autofiorenti fioriscono sempre in base alle condizioni meteorologiche, non all’esposizione alla luce. IL semi autofiorenti sono anche femminizzati, quindi non produrranno maschi. Ma a differenza delle piante fotoperiodiche, i coltivatori indoor non sono responsabili della modifica del ciclo di luce per avviare la fioritura. I coltivatori possono semplicemente lasciare le autofiorenti sotto 18-24 ore di luce per l’intero ciclo di crescita.

Ciò li rende un’ottima opzione per i nuovi coltivatori che non hanno ancora imparato i rudimenti. coltivazione indoor. Inoltre, le autofiorenti offrono tempi di raccolta dei semi molto più rapidi, maturando molto più velocemente rispetto ad alcune varietà a fotoperiodo. Molte autofiorenti sono anche molto compatte, il che le rende ideali per piccole coltivazioni indoor. I loro svantaggi si presentano sotto forma di un potenziale di rendimento ridotto e di una potenza ridotta.


Allora, quale tipo di seme è più adatto a te? Se pratichi a coltivazione indoor sotto una luce crescente, probabilmente vorrai semi di cannabis femminizzati, sia fotoperiodo che autofiorente. Se il tuo spazio è limitato o vuoi far germogliare i tuoi semi senza preoccuparti di spegnere le luci, il semi di cannabis autorizzati sono sicuramente la scelta migliore. E, naturalmente, gli allevatori che cercano di creare nuove varietà di cannabis dovrebbero fare scorta di semi regolari per i loro esperimenti.

Vous avez aimé cet article ?
Partager sur Facebook
Partager sur Twitter
Partager sur Linkedin
Partager sur Pinterest

Vous allez aussi aimer ces articles