Silent-Seeds-Logo-Blog

CANNABIS SOCIAL CLUBS A BARCELLONA

In questo articolo, stiamo parlando del boom nella capitale catalana, seguendo l’apparizione significativa di molte associazioni cannabiche dal 2013, meglio conosciute con il nome di ” Club di cannabis Socials ». Quest’ultimo pensava di aver spianato la strada a una certa forma di regolamentazione stabile e praticabile, ma una decisione giudiziaria che annunciava la loro chiusura, è stata ricevuta come tuono lo scorso luglio all’interno della metropoli mediterranea.

Barcellona

Il Barcellona è una destinazione turistica molto attraente per i viaggiatori di tutto il mondo. È vero che è una città in cui è molto piacevole rimanere, grazie alla bellezza del suo centro storico, con la famosa Sagrada Familia de Gaudi, il mercato con mille colori del Rambla, un’area portuale ben nominata, Sono numerosi e sontuosi negozi di ogni tipo, diversità e esoticismo dei suoi deliziosi ristoranti, hotel o ricchezza della vita notturna che può offrirti, il tutto in un clima mediterraneo ideale.

image

Va anche riconosciuto che è diventato un posto per la scoperta della prima scelta, per tutti i fan appassionati di cannabis negli ultimi anni. Con eccesso 200 club sociali di cannabis nel cuore della capitale catalana, hai l’imbarazzo della scelta. La diversità dei prodotti presentati è tale che troverai facilmente la scarpa al tuo piede.

È del tutto possibile soddisfare i prodotti con uno standard di qualità vicino a quelli che si trovano oggi in California. Gli spagnoli ora hanno una lunga esperienza nella cultura della cannabis, il loro livello di conoscenza e requisito è quindi logicamente elevato. Non devi più andare a Los Angeles per consumare i prodotti californiani “Top Shels” (qualità superiore), il Barcellona soddisferà sicuramente tutti i tuoi desideri.

Lire cet article  Le 10 migliori varietà CBD femminizzate

Possiamo persino dire che la scena cannabica del Barcellona ha superato in gran parte tutto il fascino del bellissimo Amsterdam in questo senso. Durante Spannabis, 1 ° salone cannabico in Europa, i numerosi CSC di Barcellona organizzano molti eventi “pop-up” (animazioni di breve durata), in tutta la città. Ciò genera un’importante dinamica da parte della comunità cannabica all’interno della città.

La maggior parte di queste associazioni cannabiche si è formata dal 2013, il loro numero è aumentato nettamente solo da quella data. Il loro successo e notorietà sono tali che molti di loro hanno stabilito stretti legami con attori riconosciuti nell’industria della cannabis americana. Anche il marchio molto famoso “biscotti” del rapper Berner, di San Francisco, prese residenza a Barcellona. “Fam Cookies” ha recentemente deciso di aprire un negozio di abbigliamento lì, oltre a un “Cannabis Social Club” con l’immagine del marchio. Questo è tutt’altro che possibilità, perché è uno stabilimento strategico in una città europea in cui è raro, tolleranza per il Cannabis è alto. È quindi una posizione interessante per questo grande gruppo californiano, all’interno dell’industria europea di cannabis.

Cannabis

Un barlume di speranza che ha portato loro un momento di serenità è apparso nel 2016, perché il Consiglio municipale di Barcellona era riuscito a ottenere un regolamento di urbanistica che integrava il regolamento dei vari CSC dalla città. Ciò conteneva alcune condizioni legali da rispettare per quanto riguarda lo stabilimento e il corretto funzionamento di questi stabilimenti.

Sfortunatamente, lo scorso luglio si è verificato un ictus drammatico, perché la Corte Suprema della Catalogna ha semplicemente deciso di annullare questa decisione del tribunale, spiegando che nessun comune è competente a concedersi il diritto di creare un regolamento di questa natura.

Lire cet article  Quale seme di cannabis scegliere?

Sostengono che una tale decisione può essere adottata, se e solo se viene direttamente dal governo centrale di Madrid. Il municipio di Barcellona aveva fatto appello a Cassation alla Corte suprema spagnola, che ha respinto quest’ultimo lo scorso aprile. Questa regolamentazione urbanistica era l’unica protezione legale disponibile per i club cannabici di questo comune.

Questa triste notizia ha quindi costretto la città di Barcellona a inviare una lettera registrata a ciascuna associazione trasmettendo la modifica delle loro regole operative. La doccia era congelata per i leader delle varie strutture di Barcellona, ​​leggendo questo nuovo regolamento. Le parole sono chiare, non saranno più in grado di promuovere, coltivare, facilitare o fornire Cannabis ai loro membri. D’ora in poi, questo tipo di stabilimento ha esclusivamente il ruolo o la possibilità di organizzare seminari, riunioni per fornire informazioni ai suoi membri. Ma niente di più sul programma, più chiaramente, è un meccanismo di neutralizzazione di queste strutture. Per finire, sono annunciati che le ispezioni verranno eseguite in numero, al fine di verificare che ogni associazione rispetti la legge.

Per il momento, Catfac (la Federazione dei club sociali di cannabis in Catalogna) ha già programmato un incontro con il comune di Barcellona a settembre, al fine di affrontare questo argomento in profondità e cercare di trovare una via d’uscita che sarebbe diversa dal Closura massiccia di questi stabilimenti.

D’altra parte, sembrerebbe che il Barcellona come la sua periferia stia vivendo una forte rinascita del crimine negli ultimi 5 anni, con la presenza di diverse organizzazioni criminali nazionali e internazionali. Fatti seri come la seclicazione di conti o il furto per violenza con violenza, sono fatti che stanno diventando sempre più frequenti nella capitale catalana e nei suoi sobborghi.

Lire cet article  CULTURA DI CANNABIS: IMPARA A DISTINGUERE IL SOG DA SCROG

Inoltre, un nuovo fenomeno ora appare in quartieri come Sant Roc de Badalona o nella Mina di Sant Adria de Besos, perché alcune bande criminali stanno cercando sempre di più per esercitare pressioni su alcuni abitanti stabilendo un clima di terrore nel loro quartiere, Per farli uscire dal loro alloggio. Tutto ciò al fine di recuperare questi, per installare lì le culture di cannabis illegali e quindi aumentare la loro attività economica. Sembra che queste organizzazioni non abbiano più limiti, dove si fermerà questa ascesa criminale?

Essendo pienamente obiettivo, qual è la soluzione a questo? Il ritorno del mercato nero nelle strade e nei parchi di Barcellona, ​​con la sua parte di oscurantismo e criminalità esaustiva?

Questo non sembra francamente essere una soluzione praticabile in termini di salute e pubblica sicurezza. Ancora una volta, l’unica soluzione pragmatica è semplicemente il regolamento per il bene di tutti, accompagnato da un progetto sociale al culmine sostenuto dal mondo politico, al fine di riorganizzare questa parte difettosa della società attualmente in questa metropoli spagnola.

Vous avez aimé cet article ?
Partager sur Facebook
Partager sur Twitter
Partager sur Linkedin
Partager sur Pinterest

Vous allez aussi aimer ces articles