Silent-Seeds-Logo-Blog

I SEGRETI DI CANNABIS TERPENES

I terpeni presenti nella pianta di cannabis sono direttamente responsabili dell’aroma come per il sapore dei fiori che consumi. Inoltre, diversi recenti studi scientifici, dimostrano che questi terpeni di cannabis svolgono anche un ruolo simbiotico complementare con i diversi fitocannabinoidi contenuti nella pianta, specialmente in termini di effetto.

Durante questo articolo, ti portiamo tutto ciò che devi sapere sull’importanza della presenza e dell’influenza Diverse terpeni di cannabis.

COSA SONO LE TERPENI DI CANNABIS?

CBD e THC

Questo è un argomento che attualmente solleva molte domande all’interno della scena cannabica internazionale, con una certa rilevanza. Dal punto di vista di un chimico, i terpeni di cannabis sono semplicemente costituiti da una catena di ripetizione molecolare chiamata isoprene di 5 carbonio. Questo profilo molecolare agisce direttamente sulle proprietà aromatiche e del gusto di tutte le piante che le producono. Ma non solo, perché è stato recentemente scoperto che i terpeni sono in grado di generare utili interazioni simbiotiche con i fitocannabinoidi presenti nella pianta di Cannabis.

Possiamo evocare qui il fenomeno ” entourage “, Come è già stato osservato come parte dell’analisi di una moltitudine di varietà con vari e vari profili di cannabinoidi. Al giorno d’oggi, l’antagonismo di CBD Su THC è qualcosa che è stato chiaramente dimostrato in modo scientificamente formalmente formale. Più chiaramente, ciò significa che se una varietà di cannabis contiene Thc Come il CBD, anche in proporzioni disuguali, il CBD ha la capacità di annullare gli effetti prodotti da THC. Sembra incredibile, eppure è un dato di fatto.

Tutto questo per farti capire che, secondo il profilo dei fitocannabinoidi e del terpenico contenuto da qualsiasi pianta di cannabis, il profumo, il gusto come effetti sarà orientato in base alla composizione di quest’ultimo. Tutto ciò genera meccanismi interattivi tra questi diversi elementi, che consentono di ottenere forti variazioni riguardanti le proprietà menzionate. È concretamente questa grande diversità, che ci offre molteplici possibilità e le cui diverse virtù devono ancora essere scoperte.

Lire cet article  VAPORIZZAZIONE DELLA CANNABIS: UNA MODALITÀ DI CONSUMO PIÙ SICURA PER IL FUTURO?

Stiamo parlando di terpeni qui Cannabis, ma in realtà, possiamo trovare questi stessi terpeni in molti alimenti destinati agli umani, e in particolare in frutta, verdura, spezie ed erbe aromatiche.

-Le sono 3 categorie principali per classificare Phytototepens:

1) Monoterpeni primari: sono costituiti da 2 unità isoprene, in altre parole, due blocchi di 5 unità. I monoterpeni più famosi sono Myrcene, Alpha-Pinène (A-Pinène), Lemonène, beta-cariofillene (β-caryopphyllene), Terpinolène e Ocimène.

2) Terpenes o sesquiterpeni secondari: sono costituiti da 15 atomi di carbonio. The sesquiterpenes that we find most often in cannabis are hull (delta-3-carène), karyophyllène oxide, fenchol, humulne, linalool, eucalyptol, bisabolol, nerolidol (or Péruviol), Alpha-Phellandrene (A-Phellandrene), Camphene, Beta -Pinène (β-pinène), alfa, beta e y-terpinène (a-β-y-terpinène), farnesène o persino terpinéol.

3) I terpeni terziari o quelli che si trovano in piccole quantità nella pianta di cannabis sono: Borneol, Guaiolo, cererene, Camphre, Phytol, Geranile acetato, Pulegone, Cymene e Isopulegol (acetato di Menthyle).

QUAL È IL RUOLO DEI TERPENI PER LA PIANTA DI CANNABIS?

Cannabis

La produzione di terpeni di una pianta di cannabis è sempre concentrata nei fiori di quest’ultimo. Il che è completamente logico, perché i fiori sono in un certo senso “i preziosi frutti” della pianta. I terpeni, oltre ai fitocannabinoidi che sono anche localizzati e prodotti nello stesso posto, vale a dire all’interno dei tricomi ghiandolari, hanno una funzione protettiva contro potenziali minacce da batteri, funghi, insetti o molti altri fattori di stress ambientale.

La concentrazione e la composizione del profilo terpenico espresso da ciascuna pianta variano fortemente, a seconda della genetica coltivata e dei parametri di coltura associati. Oltre alla loro azione repellente contro i vari flagelli sopra menzionati, i terpeni sono anche usati per attirare insetti impollinanti, facilitando così la riproduzione del mondo vegetale. Per la stessa genetica, ci sono diversi fattori che possono portare ad alcune variazioni durante la produzione di questi composti come: il clima, la durata del periodo di maturazione, i fertilizzanti, il substrato e anche il tempo durante il quale il raccolto viene eseguita.

Lire cet article  COME TRATTARE UN ATTACCO DI BOTRYTIS IN UNA CULTURA DELLA CANNABIS?

Tutto ciò ci consente di capire che la composizione terpenica di una pianta di cannabis è quasi unica, a seconda dell’osservazione di queste diverse variazioni. Tuttavia, il profilo aromatico di una serie di piante da una varietà identica, dimostra forti somiglianze e quindi consente l’identificazione concreta della varietà coltivata. Questo ci offre un tale risultato, perché la combinazione terpenica tra genitori della stessa genetica è fortemente marcata, come un’impronta olfattiva caratterizzata. Questo è il motivo per cui possiamo facilmente distinguere a Amnesia Lemon di un Torta di vaniglia di L.A., Per esempio.

TERPENES E CANNABINOIDI: UNA RELAZIONE FUSIONAL.

Molte persone condannate dal fatto che la cannabis terpenes sia direttamente coinvolta nel processo di produzione di cannabinoidi, considerando che questi ultimi sono costituiti da blocchi di terpeni e gruppi di fenoli.

Una correlazione tra il livello di terpeni e cannabinoidi sarebbe stata trovata, durante uno studio condotto utilizzando condizioni di coltura standard. Questo è ciò che potrebbe spiegare la forte presenza di monoterpeni, come i suoi SES che sono formati e conservati all’interno dei tricomi ghiandolari in cui vengono prodotti cannabinoidi.

COME OTTENERE GLI OLI ESSENZIALI DELLA CANNABIS?

Oli essenziali di cannabis

Possiamo ottenere olio essenziale di cannabis usando un tradizionale metodo di distillazione del vapore. Quest’ultimo passa attraverso la materia vegetale, guidando l’olio essenziale della pianta di cannabis perché i terpeni sono solubili in acqua, a differenza dei cannabinoidi. Questo è il motivo per cui al momento della distilla Cannabis, rimuovendo solo i terpeni, l’olio essenziale alla fine ottenuto non produrrà alcun effetto psicoattivo.

Il protocollo è abbastanza semplice, perché è sufficiente posizionare la cannabis in un tubo di prova con acqua, quindi scaldarlo in modo che l’acqua si trasformi in vapore a una temperatura di 100 ° C. In questo modo, i terpeni vengono catturati e quindi trasportati da vapore a un secondo tubo di prova di vetro, in cui verrà di nuovo raffreddato e liquefatto. Nello stato liquido, l’olio essenziale raccolto e contenente i terpeni galleggia sopra l’acqua, facilitando così la separazione dei due liquidi.

Lire cet article  COME GESTIRE UNA MUFFA IN POLVERE IN UNA CULTURA DELLA CANNABIS?

È necessario sapere che è necessario avere una grande quantità di fiori di cannabis, al fine di ottenere finalmente una quantità abbastanza modesta di olio essenziale. Questo è ciò che può spiegare il suo costo elevato come bassa disponibilità sul mercato.

QUALI SONO LE DIVERSE APPLICAZIONI DELL’OLIO ESSENZIALE DI CANNABIS?

L’olio essenziale di cannabis può essere usato per:

  • Aromaterapia o come parte dello sviluppo di vari e vari prodotti cosmetici (creme, lozioni, saponi, oli da massaggio, ecc.)
  • Migliorare le qualità aromatiche, del gusto, ottimizza anche “l’effetto entourage” dei tuoi fiori e estrazioni cannabiche.
  • Lo sviluppo di vari prodotti commestibili (bevande e cibi).
Vous avez aimé cet article ?
Partager sur Facebook
Partager sur Twitter
Partager sur Linkedin
Partager sur Pinterest