Est-ce la fin de l’âge d’or du cannabis en Espagne ?

È questa la fine dell'era d'oro della cannabis in Spagna?

11/08/22Lu en 6mn
  • La Spagna è stata un territorio abbastanza tollerante nelle politiche globali sulla cannabis negli ultimi 20 anni.
  • È un paese europeo che sembrava attraente in questo senso, con la nascita di Growshops nei primi anni 2000 e le banche di semi a livello internazionale, sempre più fiere cannabiche, l'aspetto di "club sociali di cannabis" a quattro angoli del paese, con tali Una presenza importante di quest'ultima a Barcellona, ​​dove molti fan della pianta sono arrivati ​​a fare il loro pellegrinaggio cannabico fino ad allora.
  • I fiori e i prodotti CBD hanno anche creato un vero tsunami di recente. Di recente, sembrerebbe che il panorama iberico stia cambiando e che stiamo anche assistendo a un passo indietro, ma cosa succede attualmente al paese di Don Chisciotte?

 

La nascita delle escrescenze spagnole

Alla fine degli anni 90 È nato un nuovo fenomeno abbastanza esotico sul suolo iberico, i negozi di un nuovo genere: Growshops. Questi negozi pieni di tutte le attrezzature necessarie per coltivare la cannabis (Lampade, sistemi di ventilazione, camere di coltura, fertilizzanti, prodotti fitosanitari, substrati, vasi, semi di cannabis di alta qualità, libri, ecc.) e che non abbiamo visto finora esclusivamente in Olanda, arrivò gradualmente in Spagna. Sono apparsi e si sono sviluppati rapidamente in numero in tutto il paese.

 La maggior parte di loro sembrava piccoli negozi piuttosto disordinati, con un'atmosfera un po 'mistica all'interno, ma in realtà erano luoghi molto caldi, dove tutto appassionato potrebbe condividere le sue conoscenze, le sue esperienze, Acquisisci attrezzature, genetica e trascorri momenti piacevoli in compagnia di molti cannabultori comprensivi in ​​questo favoloso incrocio "vecchio stile".

Ricordiamo che a quel tempo Internet non era così democratizzato come oggi, questi luoghi erano quindi vere miniere d'oro per i seguaci di questa formidabile pianta. Disponibilità sia delle informazioni relative alla cultura che a prodotti dedicati, all'epoca era molto più raro. Era quindi abbastanza logico partecipare a un successo senza precedenti di quest'ultimo.

Sembrerebbe che per alcuni mesi alcuni coltivazioni situati nei quattro angoli del paese, affrontano interventi dal Guardia Civil, che alza, tra le altre cose, a Fiori di CBD in questi stabilimenti. Le autorità desiderano verificare che questi top floreali rispettino il tasso legale di 0, 2% THC, senza tener conto del contenuto CBD. Controllando anche La tracciabilità dell'origine dei prodotti, i corrispondenti documenti amministrativi, i conti, eccetera.

Alcune aziende sono state anche accusate complicità nella partecipazione diretta al traffico di droga, come nel caso di a Almeria Growshop, di cui 18 persone sono state arrestate, tra cui diversi dipendenti e clienti di questa azienda. Secondo la versione della polizia spagnola, la crescita ha avuto una relazione diretta con i trafficanti di droga e ha agito come "Dipendenti direttamente coinvolti nello sviluppo di un'attività illegale". In questo caso, le accuse selezionate contro di loro costituiscono diversi crimini contro la salute pubblica e anche appartenenza a un'organizzazione criminale.

Il problema principale è che c'è chiaramente una mancanza regolamento legale, che consentirebbe a ciascun attore di sapere esattamente le possibilità offerte loro. È ovviamente una carenza drammatica dell'attuale sistema spagnolo, Un mercato che è stato tollerato per più di venti anni e che ha raggiunto una dimensione considerevole oggi. Solo, non è incorniciato da alcuna legge specificamente dedicata e adattata finora. Questo è un aspetto tragico per tutti i giocatori del settore.

La Spagna essendo geograficamente vicino al Marocco, c'è stata una vera cultura di hashish lì per circa quarant'anni, vale a dire dal periodo del francoismo (primi anni '80). Anche se la cannabis è stata completamente illegale per la penisola iberica da molto tempo, è importante riconoscere che gli spagnoli sono intenditori reali in Haschich di alta qualità.

Molte persone pensano che la Spagna sia il nuovo "Eldorado" per tutti gli amanti della cannabis, ma in realtà è completamente proibito il possesso di tutti i prodotti narcotici, sebbene vi sia una certa tolleranza sul consumo o "un uso moderato della cannabis. Gli spagnoli sono significativi consumatori di cannabis per decenni.

La regione del RIF in Marocco è ben nota a tutti gli amanti di Haschich. C'è anche un'interessante evoluzione da osservare e menzionare qui, perché all'inizio l'haschich marocchino proveniva da una varietà di kif locali chiamati "Beldya", che è un noto ceppo KIF endemico e apprezzato dai berberi, come dai marocchini popolazione in generale. Tuttavia, quest'ultimo era fortemente in competizione con l'aspetto di ibridi di marijuana olandese, che consentono di ottenere quantità di fiori abbondanti in grammi per pianta e il cui tasso di THC è molto più elevato rispetto al Beldya locale.

Questo è il motivo per cui, intorno al 2004, abbiamo visto apparire la "Khardala", di cui non conosciamo esattamente le origini, ma sembrerebbe che sia un ibrido tra il "Beldiya" e un ibrido olandese non identificato. L'uso di questa varietà ha segnato la prima evoluzione dell'hashish marocchino. Al giorno d'oggi, sappiamo che ci sono molte varietà moderne, che vengono utilizzate per produrre l'hashish, le cui proprietà dei fiori non hanno nulla a che fare con ciò che erano in origine.

Dovresti sapere che in Europa, la maggior parte del traffico illegale di cannabis era generato dall'hashish che proveniva dal Marocco fino ai primi anni 2000. All'epoca, è completamente diverso, perché l'auto -cultura ha conosciuto uno sviluppo esponenziale in Europa, come ad ad Il livello globale, perché i consumatori sono più interessati alla marijuana globale e sono diventati naturalmente molto più esigenti sulla qualità del prodotto finito rispetto a prima. 

L'apparizione delle banche di semi spagnoli

 Se mettiamo le cose nel contesto, all'epoca, la scena cannabica era in gran parte dominata dal Olandese. Noi eravamo All'inizio degli anni 2000, Amsterdam era chiaramente il Capitale emblematica della cannabis ricreativa in Europa, "Il posto dove stare" in quel momento. Qualsiasi appassionato doveva rendere un pellegrinaggio degno del nome, per scoprire l'atmosfera mitica di Caffetterie Olandese da soccombere al menu allettante dei prodotti che hanno poi offerto.

Nomi delle varietà come Jack Herer, Vedova bianca, Puzzola#1, Super Skunk, Perla d'argento, Super argento Foschia, Rhino bianco, Gemme arancione erano ben noti e il crescente passaparola rifletteva perfettamente la loro attrazione come crescente domanda da parte del pubblico.

Le banche dei semi di cannabis più popolari all'epoca erano Banca Sensi Seeds, Passione olandese, Mr Nice, Semi seri, Semi di casa verde, Cervelli KC, Sagarmatha Seeds, Semi di soma, Semi fantasy nostrani E Nirvana. Tutte queste banche di semi erano esclusivamente olandesi.

Questa supremazia o monopolio sono durati solo un certo tempo, semplicemente, perché il successo delle escrescenze spagnole era tale che il livello di conoscenza e l'esperienza dei coltivatori si sono rapidamente evoluti in tutta la penisola. Più, Il contesto politico olandese ha purtroppo sperimentato una svolta sfavorevole da 2003-2004, con l'aspetto di una più politica repressivo. Ciò ha portato a un forte rallentamento dell'industria della cannabis nei Paesi Bassi e al passaggio dalla maggior parte delle aziende olandesi alla Spagna.

Gli spagnoli hanno quindi reagito rapidamente al movimento olandese e hanno saputo beneficiare in modo ottimale dall'opportunità offerta loro. Tanto che sono diventati grandi specialisti in Seme di cannabis femminizzato, qualcosa che gli olandesi non erano ancora riusciti a fare in quel momento.

È così che abbiamo visto apparire le prime banche di semi di cannabis Spagna intorno 2005, con la nascita di Dinafem, Semi dolci, Semi medici, Cannabiogen, Semi di resina, Semi di reggae, Eva Seeds, eccetera. È bene sapere che la maggior parte di questi marchi è stata originariamente creata dagli imprenditori di Growshops. Per la maggior parte, hanno praticato le due attività congiuntamente, era completamente logico in quel momento, perché erano in primo piano di questo mercato.

La risposta al mercato ha superato tutte le aspettative che ci si potrebbe aspettare, perché la maggior parte di queste banche di semi ha avuto un successo incredibile. La crescita di alcuni di essi è stata così forte e rapida che la loro popolarità è diventata globale. È avvenuto grazie a Sviluppo planetario di Internet e a Richiesta estremamente forte. Queste aziende spagnole sono diventate vere riferimenti internazionali in questo settore. Il commercio legale di semi di cannabis in Spagna è stato finora supportato da una decisione del "supremo Tribunal" del 2003.

Tutto andava perfettamente bene nella penisola iberica fino al 16 settembre 2020 Per tutte le aziende in questo settore, solo questa data è accompagnata da un nuovo tragico perché è il giorno in cui il gruppo Pot Sistemak S.L., proprietario dei marchi Dinafem, Lamota E Organizzazione dei semi di Humboldt, è stato sottoposto a un intervento di polizia senza precedenti, risultando cessazione di tutte le loro attività.

Agenti del Guardia Civil E L'agenzia fiscale nazionale sono intervenuti nei loro magazzini, anche con l'aiuto degli agenti L'agenzia di medicinali spagnoli e i prodotti sanitari del Ministero della Salute, e procedette a una ricerca seguendo l'ordine fornito da Il tribunale delle indagini centrali n ° 6 della Aucencia Nacional, e promosso dall'accusa antidroga della stessa entità giudiziaria.

I fatti asseriti contro 18 persone accusate in quel caso costituire crimini contro la salute pubblica, appartenente a un'organizzazione criminale E riciclaggio di denaro. Oggi, due anni dopo i fatti, il caso è ancora sotto inchiesta, senza ulteriori dettagli. Caso da seguire ...

Ciò significa che il loro modello economico ha funzionato per più di 20 anni, erano i principali attori del settore della cannabis europea. Tuttavia, nessuno sa ora come le cose si evolveranno per gli altri attori che esercitano la stessa attività.

Il grande problema di tutto ciò è che alcune di queste aziende hanno subito una crescita vertiginosa, perché era presente un'elevata domanda e il mercato in crescita, solo oggi non esiste ancora un quadro giuridico normativo e questo è tutto il fondo del problema. Non costruiamo un impero su fragili basi. Inoltre, sembra che nessuna volontà politica si manifesti in questo senso. Che ci mostra la grande fragilità del tutto. Mentre siamo in un momento in cui la legalizzazione sembra essere l'opzione più logica e pragmatica per il bene della nostra società.

Le fiere cannabiche spagnole sono eventi festivi grandi e belli che riuniscono tutti i giocatori del mercato Dal 2002, data su cui si è tenuto Prima edizione del Spannabis A Palau Sant Jordi de Barcelona.

Totale a Dozzine di fiere cannabiche ogni anno in tutto il paese davanti alla pandemia COVID 19. Questi eventi stavano vivendo una presenza incredibile, in particolare Spannabis perché ha fama internazionale. Ha quindi attirato sia le aziende più famose del settore che i visitatori di massa, da paesi come il STATI UNITI, Canada, Australia, Colombia, Uruguay, chili, Argentina, Messico, La Cina, Israele, così come stragrande maggioranza di paesi europei erano rappresentati lì.

Con una frequenza media che supera 30.000 visitatori al giorno, è abbastanza facile rendersi conto che è semplicemente il principale evento nel settore in Europa, dove la pletora di professionisti può incontrarsi, ma anche gli appassionati di esperti in materia.

Durante questi eventi festivi, potresti incontrare un gran numero di professionisti nel settore sulla loro posizione, offrendo un Gamma di servizi molto completi (Comunicazione marketing/digitale, stampa/pubblicità cannabica ", studi legali specializzati e altri servizi specifici), come tutti L'attrezzatura necessaria per la coltivazione della cannabis.

Troviamo lì tra gli altri, Semi, fertilizzanti, armadi di coltura, lampade, ventilazione, sistemi di gestione autonomi (irrigazione/illuminazione/aerazione/CO2), di varie cultura (Idroponia/aeroporto/NFT, ecc.), pentole, dispositivi anti-odor (Filtri a carbone attivi/aerosol/gel e blocchi deodoranti) e trattamento delle acque, macchine per la raccolta, mobili e materiali di consumo per una buona conservazione del raccolto (Set di legno di cedro, barattoli di vetro decorato, contenitori di canapa/materiali riciclati) ecc.

Il settore è cresciuto bene nell'ultimo decennio, perché ora troviamo davvero tutta la panoplia completa e pratica del "Piccole cannabulter di erba perfetta".

Era la pioniera del genere, con più di 17 edizioni che hanno avuto luogo negli ultimi due decenni. La città di Barcellona ha vissuto una folla enorme durante la durata dello Spannabis, molto spesso con molti eventi organizzati dal Club Social Cannabis Local Cannabis (CSC). Tra le altre fiere del settore, è stato possibile frequentare 2008 al Highlife Di Pamplona, Espocannabis a Madrid dal 2010, Spannabis a Malaga, Coltivare recentemente diventato Cannammed in valenza, Expogrow a Irun dal 2012, Expocañamo a Siviglia, Viñagrow a Villarrobledo E Intercannabis Ad Alicante.

Il numero totale di fiere cannabiche è indicativo di sviluppo e La rilevanza del settore dal 2010, è ovvio realizzare il forte entusiasmo sperimentato dall'industria della cannabis in tutti i suoi aspetti.

Tutti questi eventi hanno avuto luogo senza il minimo gancio per più di 20 anni, ma non potremmo temere la scomparsa di questi nel prossimo futuro?

Conosciamo perfettamente l'obiettivo di questo tipo di evento, che è quello di riunire la tavolozza più ampia possibile di professionisti del settore e offrire l'opportunità al pubblico di poterli incontrare direttamente. È anche un evento festivo, dove Molte attività divertenti varie e varie (concerti, giochi, ecc.) Per intrattenere il pubblico, con anche Stand da catering di ogni tipo in caso di fame o sete.

Tutto ciò rappresenta una percezione principale, ma il ruolo essenziale di queste fiere di cannabis è soprattutto promuovere, animare e di aumento tutte le attività nel settore, con l'obiettivo di promuovere la crescita economica COME perpetuare questo settore in suo diritto.

Attraverso queste poche righe, comprendiamo che ci troviamo di fronte a un grande sconosciuto, ma soprattutto che tutto è possibile, ecco perché è meglio rimanere obiettivi per il momento e aspettare per vedere come le cose.

In ogni caso, questi saloni sono e rimangono un superbo incontro a crocevia tra clienti e professionisti appassionati. Quando assistiamo a questo tipo di dimostrazione festiva, come ad esempio a Barcellona Spannabis, sembrerebbe che tutto sia perfettamente legale, mentre in realtà non illustra la realtà autorizzata dalla legge.

Se facciamo diverse ricerche su Google, è abbastanza facile realizzare l'entità dell'offerta di molte varietà di "semi", nonché tutti i prodotti necessari per coltivare la tua pianta preferita, che sono disponibili e facilmente accessibili attraverso la pletora di siti commerciali su Internet.

Fai attenzione a non sbagliare, perché ciò non riguarda solo un paese come la Spagna, perché un rapporto d'Europa riflette chiaramente che il consumo di cannabis è molto elevato in Francia, Italia, Portogallo, nel Regno -Uni, in Germania, in Belgio come in altri paesi europei. Tutti questi elementi suggeriscono che la politica europea della droga dovrebbe essere ampiamente rivista sulla cannabis, perché è completamente obsoleta e non corrisponde più alla tendenza mondiale del mondo dell'attuale canapa.

The Cannabis Social Spanish Clubs (CSC)

I "club sociali di cannabis" o club sociali di cannabis, lo sono Strutture associative senza scopo di lucro, composte esclusivamente da adulti. Ogni club sociale di cannabis è in realtà concretamente Composto da un gruppo di membri il cui numero è limitato, che condivide, che organizza e gestisce la produzione come la distribuzione della cannabis in un circolo chiuso, esclusivamente per le esigenze personali dei loro membri.

È un modello di regolamentazione di cannabis abbastanza fragile che troviamo a livello internazionale, in paesi come Spagna, Nuova Zelanda, Belgio, Paesi Bassi, Slovenia, Uruguay, Germania E Inghilterra.

La prima cannabis sociale del club è apparsa nella penisola iberica era Arsec In 1993.

. seguito da CCCB (Barcellona Cannabis Catadore Club), Là Maca (Moviment Associatiu Cannàbic d'Autoconsum). Queste 3 associazioni erano catalane, quindi L'Amec . Tutti questi club associativi fanno parte della storia della cannabis spagnola.

Sono emerse molte nuove associazioni cannabiche 2002, attraverso l'intero territorio spagnolo. Questa è stata la conseguenza di una decisione giudiziaria che ha affermato che l'auto -cultura per il consumo personale non è un crimine, dal momento non c'è scopo di traffico comprovato. Più di 1600 club sociali di cannabis sarebbe identificato in tutta la Spagna, che riflette l'entità del fenomeno.

Anche se è trascorso molto tempo dall'aspetto dei primi CSC, Tuttavia, questo modello associativo rimane molto fragile. La loro percezione con l'opinione pubblica sta diventando sempre più favorevole nel tempo, ma ciò non è sufficiente, solo una vera regolamentazione consentirebbe loro di intravedere un futuro più sereno. Purtroppo, Molti sono regolarmente sottoposti a interventi di polizia per molteplici ragioni Al giorno d'oggi. Questo movimento nazionale è persino riuscito a creare diverse federazioni provinciali e regionali, nominate il Università (Federations of Cannabic Associations)

Nelle recenti notizie, diversi club sociali di cannabis hanno conosciuto i tribunali dei tribunali, con condanne pronunciate dopo i rispettivi giudizi. Come nel caso di AUETCG (L'Asociación de usuarios para el estudio teracéutico del cannabis de ghania), che è stato condannato dal Valencia Aucencia al Chiusura finale dell'associazione, con anche uno Tre pena detentiva di tre anni Per il presidente e due anni per il segretario e il tesoriere.

L'associazione "Casa Maria" De Pontevedra era anche Chiuso dalla Corte suprema provinciale, con la chiave Tre pena detentiva di tre mesi Per i suoi due fondatori. Il CSC Acmefuer Situato a Las Palmas nelle Isole Canarie è stato anche condannato dal tribunale provinciale locale, tra cui 13 membri

avere ricevuto Termini di prigione che vanno da 6 a 15 mesi, con multe forti fino a diverse centinaia di migliaia di euro.

Barcellona CSC 

Barcellona è una destinazione turistica molto attraente per i viaggiatori di tutto il mondo. È vero che è una città dove è molto piacevole rimanere, grazie alla bellezza del suo centro storico, con il famoso Sagrada Familia Di Gaudi, IL Mille colori Di Rambla, un'area porta ben nominata, suoi negozi molto numerosi e sontuosi di tutti i tipi, la diversità COME Esotismo Di I suoi deliziosi ristoranti, Hotelo la ricchezza di vita notturna che può offrirti, tutto questo sotto un Clima mediterraneo ideale.

Va anche riconosciuto che è diventato un posto per la scoperta della prima scelta, per tutti i fan appassionati di cannabis negli ultimi anni. Con eccesso 200 club sociali di cannabis Al centro della capitale catalana, hai l'imbarazzo della scelta. La diversità dei prodotti presentati è tale che troverai facilmente la scarpa al tuo piede.

È del tutto possibile soddisfare i prodotti presentando Uno standard di qualità vicino a quelli trovati in California Oggi. Gli spagnoli ora hanno una lunga esperienza nella cultura della cannabis, il loro livello di conoscenza e requisito è quindi logicamente elevato. Non devi più andare a Los Angeles per consumare i prodotti californiani "Top Shels" (qualità superiore), il Barcellona soddisferà sicuramente tutti i tuoi desideri.

Possiamo persino dire che la scena cannabica del Barcellona ha superato in gran parte tutto il fascino del bellissimo Amsterdam in questo senso. Durante Spannabis, 1er European Cannabic Fair, i molti CSC a Barcellona organizzano molti eventi "pop-up" (animazioni di breve durata), in tutta la città. Ciò genera un'importante dinamica da parte della comunità cannabica all'interno della città.

La maggior parte di queste associazioni cannabiche sono state create Dal 2013, il loro numero è cresciuto fortemente da quella data. Il loro successo e notorietà sono tali che molti di loro hanno stabilito stretti legami con attori riconosciuti nell'industria della cannabis americana. Il marchio molto famoso « Biscotti "Cantante rap Essere selvaggia, da San Francisco, si è anche residenza a Barcellona.

"Cookie per famiglie » recentemente deciso di aprire un negozio di vestiti, in tal modo che un "club sociale di cannabis" con l'immagine del marchio. Questo è tutt'altro che una coincidenza, perché è uno stabilimento strategico in una città europea in cui è raro, la tolleranza per la cannabis è eccezionale. È quindi una posizione interessante per questo grande gruppo californiano, all'interno dell'industria europea di cannabis.

Un barlume di speranza che li porta Un momento di serenità apparso in 2016, perché il Consiglio comunale di Barcellona era riuscito a ottenere Regolamenti di pianificazione urbana che incorporano il regolamento dei vari CSC della città. Ciò conteneva alcune condizioni legali da rispettare per quanto riguarda lo stabilimento e il corretto funzionamento di questi stabilimenti.

Sfortunatamente, nel mese di Luglio 2021, perché il Corte suprema della Catalogna Ho appena deciso di annullare questa decisione del tribunale, spiegando che nessun comune è competente a prendere il diritto di creare una regolamentazione di questa natura. Sostengono che una tale decisione può essere adottata, se e solo se viene direttamente dal governo centrale di Madrid. Il municipio di Barcellona aveva fatto appello alla cassazione con il Corte suprema spagnola, che ha respinto quest'ultimo lo scorso aprile. Questa regolamentazione urbanistica era l'unica protezione legale disponibile per i club cannabici di questo comune.

Questa triste notizia quindi ha costretto la città di Barcellona a inviare Una lettera registrata a ciascuna associazione trasmettendo la modifica delle loro regole operative. La doccia era congelata per i leader delle varie strutture di Barcellona, ​​leggendo questo nuovo regolamento. Le parole sono chiare, non saranno più in grado di promuovere, coltivare, facilitare O fornire Di Cannabis ai loro membri.

D'ora in poi, questo tipo di stabilimento ha esclusivamente il ruolo o la possibilità di organizzare seminari, riunioni per fornire informazioni ai suoi membri. Ma niente di più sul programma, più chiaramente, è un meccanismo di neutralizzazione di queste strutture. Per finire, sono annunciati che le ispezioni verranno eseguite in numero, al fine di verificare che ogni associazione rispetti la legge.

Per adesso, Catfac (La Federazione dei club sociali di cannabis in Catalogna) ha già programmato un incontro con il comune di Barcellona a settembre, al fine di avvicinarsi a questo argomento e cercare di trovare una via d'uscita che sarebbe diversa dall'enorme chiusura .

D'altra parte, sembrerebbe che il Barcellona come la sua periferia stia vivendo un forte rinascita del crimine negli ultimi 5 anni, con la presenza di diversi Organizzazioni criminali nazionali E internazionale. Fatti seri come la seclicazione di conti o il furto per violenza con violenza, sono fatti che stanno diventando sempre più frequenti nella capitale catalana e nei suoi sobborghi.

Inoltre, un nuovo fenomeno ora appare in quartieri come Sant Roc de Badalona o al Mina de Sant Adria Di Besos, perché alcune bande criminali stanno provando sempre di più fare pressione su alcuni abitanti stabilendo un clima di terrore nel loro quartiere, al fine di scacciarli dalle loro case. Tutto ciò al fine di recuperare questi, per installare lì le culture di cannabis illegali e quindi aumentare la loro attività economica. Sembra che queste organizzazioni non abbiano più limiti, dove si fermerà questa ascesa criminale?

Essendo pienamente obiettivo, qual è la soluzione a questo? Il ritorno del mercato nero nelle strade e nei parchi di Barcellona, ​​con la sua parte di oscurantismo e criminalità esaustiva?

Questo non sembra francamente essere una soluzione praticabile in termini di salute e pubblica sicurezza. Ancora una volta, l'unico soluzione pragmatica è semplicemente il regolamento per il bene di tutti, Accompagnato da un progetto sociale che sarà sostenuto dal mondo politico, al fine di riorganizzare questa parte sociale in fallimento attualmente in questa metropoli spagnola.

Lo stato spagnolo ha votato per il regolamento dell'uso terapeutico della cannabis il 27 giugno e non senza difficoltà. Ci è voluto l'immenso coraggio di un Attivista cannabico ampiamente riconosciuto, nella persona di Carola Perez, che ha dovuto partecipare a molte audizioni parlamentari, al fine di essere ascoltati sulla redditività dell'uso di cannabinoidi in medicina. Nonostante le sue numerose sofferenze permanenti, causate da un dolore cronico acuto, a seguito di una pesante operazione di coccige molti anni fa, Carola ha vinto una grande vittoria per molti pazienti in tutto il paese.

Carola consuma diversi grammi di cannabis a settimana, per molti anni per superare il dolore che le impedisce di vivere normalmente su base giornaliera. È raro che il gruppo politico consulti una persona civile per prendere importanti decisioni sociali, eppure è quello che è successo, perché quest'ultimo soffre di una grande ignoranza sull'argomento. 

Il mercato del CBD in Spagna

IL cannabidiolo meglio noto come CBD, in realtà è un cannabinoide Ciò non produce effetti psicotropi. Possiamo persino dire che è un THC Antagonista, il che significa che lui annulla significativamente i suoi effetti Quando viene consumato contemporaneamente o un posteriore del primo menzionato. Tuttavia, è davvero un fitocannabinoide derivato dalla pianta di cannabis, che si trova anche in diverse proporzioni in tutte le varietà di canapa registrate nel catalogo europeo contenenti solo 0,2 % THC.

Tutto ciò che riguarda la cannabis è sempre un argomento sensibile all'interno della nostra attuale società. Sebbene Le un COME La Commissione antidoping del Comitato Olimpico declassato dalla categoria di droghe pericolose e sempre più virtù benefiche (Il recupero muscolare dopo lo sforzo, il miglioramento della qualità del sonno, ecc.) Viene assegnato ad essa, il cannabidiolo ha una vita difficile. Nonostante una sicurezza oggi sufficientemente riconosciuta, il CBD crea ancora molte controversie dannose, erroneamente.

Eppure, La Corte di giustizia europea restaurato di recente un'oncia di verità nel caso Kanavape Davanti ai tribunali francesi, dicendo forte e chiaro "Che non si può vietare ciò che non è proibito" Su una semplice interpretazione dei fatti. IL Due giovani imprenditori francesi, Sébastien Bèguerie e Anthonin Cohen, sono stati quindi assolti i fatti che sono stati accusati. In 2014, la società Kanavape voleva commercializzare un "cbd a vape penna" o Penna di svapo CBD, il cui contenuto nella legge francese perfettamente rispettata (0, 2%).

Questa decisione del CJEU è stata ascoltata dai tribunali spagnoli, tuttavia, fino ad oggi, supportata da qualsiasi chiaro regolamento europeo su questo argomento, potrebbe quindi esercitare una certa influenza, ma non ha lo stesso peso della legge giusta e buona testi. Pertanto, la parola della fine ritorna all'interpretazione o all'apprezzamento della giurisdizione locale interessata.

Molti paesi europei oggi commercializzano fiori come prodotti CBD con una regolamentazione chiaramente definita, senza il minimo problema. Sul territorio spagnolo, da allora c'è una forte mania per questo cannabinoide 2020, con la comparsa di nuove società dedicate alla produzione e alla trasformazione di quest'ultima. Che ha principalmente dato origine a molti interventi di polizia direttamente su siti di produzione su larga scala presso Bomba a mano, Almeria, In Catalogna E in altre province della penisola.

Il problema concreto qui è che molte persone hanno intrapreso un'attività non regolata da puro opportunismo economico, avendo una profonda ignoranza del settore e le leggi che lo circondano. Lo scopo tragico è quello che conosciamo oggi.

Seguendo l'apparizione di circolare del Ministero dell'Agricoltura, come appare A una forma di inizio della regolamentazione segnato il tuffo. Più concretamente, qualsiasi azienda che desidera intraprendere la produzione di cannabis CBD per qualsiasi scopo, deve fare una richiesta L'agenzia di medicinali spagnoli, per ottenere un Licenza di produzione, perché per il momento, la cannabis CBD rimane straordinaria in Spagna.

Di recente, la Guardia Civil ha cercato Molti "growsops" E Tobaccheri Chi commercializzato diverso Prodotti derivati ​​dal CBD, ma questi sono buoni fiori che ha ricoperto tutta la loro attenzione, perché hanno lo stesso aspetto dei loro cugini ricchi di tetraidrocannabinolo (THC). Volevano semplicemente garantire il rispetto dei tassi legali contenuti nei prodotti, come la tracciabilità amministrativa e contabile dei fornitori e degli stabilimenti visitati.

Sembra un tour a vite abbastanza sostenuto da parte della Spagna, è il risultato di un lassista di oltre 15 anni che dà alle autorità la sensazione che la cannabis sia un soggetto che si è completamente fatto scivolare le mani e che vogliono riguadagnare il controllo ?

O che la distribuzione delle licenze di produzione di cannabis medica da Aemps (Agenzia di medicina spagnola), porta a una certa (ri) pressione generale da parte di Big Pharma Di tutti i giocatori "sotterranei" che hanno inventato e strutturato questo settore per oltre 25 anni?

O quello l'Unione Europea, ha lanciato un appello alle autorità spagnole per ridurre notevolmente il crimine mentre lo sviluppo generale si legava all'industria della cannabis sul loro terreno? (Con un piano antidroga europeo sostenuto da un budget di oltre 3000 milioni di euro, annunciato l'anno scorso)

Sfortunatamente, non abbiamo ancora la risposta a questo enigma, tuttavia questi 3 scenari sono plausibili. Dobbiamo ammettere senza l'ombra di un dubbio, quello La Spagna è stata il paese europeo più tollerante sull'argomento negli ultimi 20 anni, Che ha dato origine al grande disturbo che può essere osservato lì oggi. Questo è un fatto che devi sapere come riconoscere.

C'è un fattore comune in tutto ciò che è la pianta di cannabis, d'altra parte, il lato problematico è che ora lo troviamo in ambienti la cui legalità è variabile, con pratiche più accettabili di altri e altri aspetti dannosi, come crimine organizzato, causando Atti di violenza senza precedenti e a economia sommersa Sempre più forte.

D'altra parte, è anche necessario pensare a migliaia di lavoratori che si trovano oggi in una situazione precaria, che sono cittadini dei più rispettabili, avendo valori etici e morali, rispettando la vita nella società, che hanno un certo know-how come Una maggiore esperienza, all'interno di un settore di attività che non ha ancora il riconoscimento che merita.

Questi contrasti meritano di essere sottolineati per avere una migliore comprensione del tutto. Questa categoria di persone fortunatamente rappresenta la maggior parte di questo settore, tuttavia, è un aspetto che rimane abbastanza discreto e persino impercettibile nell'opinione pubblica, perché queste stesse persone soffrono di forte stigma o discriminazione sociale.

Sono chiaramente vittime di emarginazione ingiusta, che è il risultato di una politica inadatta. Tutto ciò dimostra il fallimento internazionale della politica dei farmaci, e in particolare la canapa in senso globale, che mostra una profonda ignoranza degli Stati, perché non possono distinguere i diversi aspetti cruciali con l'obiettività.

Tuttavia, è davvero il momento di aprire gli occhi, rendersi conto che il THC e il CBD hanno un ruolo benefico da svolgere rispettivamente, sia per l'uso medico o ricreativo della cannabis, come molti altri fitocannabinoidi presente nella canapa. Ora è necessario che la vendita e il possesso della marijuana siano completamente legali, non in Spagna, ma anche in un paese come la Francia, che è il più grande consumatore della comunità europea.

La conclusione di tutto ciò è che la pianta svolge un ruolo cruciale nella nostra società, a diversi livelli, ora spetta alla classe politica dargli gentilmente il posto che merita attraverso un regolamento ufficiale, chiaro, strutturato, Giusto E obbiettivo Di fronte ai bisogni dell'attuale società.

PARTAGER SUR

PARTAGER SUR

TI PIACERA' ANCHE