Silent-Seeds-Logo-Blog

IN CHE MODO I VIRUS POSSONO INFLUENZARE LA COLTIVAZIONE DELLA CANNABIS?

  • I virus sono un fenomeno che domina più notizie che mai, certamente perché il coronavirus ha cambiato la società come molte vite umane negli ultimi 2 anni.
  • Sono sempre più presenti nel nostro ambiente, colpiscono sempre più esseri viventi in tutto il mondo. Le piante in generale, poiché la cannabis sono anche colpite da vari e vari fitovirus.
  • Durante questo articolo, spieghiamo le ultime scoperte riguardanti questi fitovirus, anche se molti misteri circondano ancora queste strane piaghe e i parassiti moderni -giorni.
  1. Virus e piante di cannabis
  2. Vettori che promuovono la diffusione del fitovirus
  3. Il virus del mosaico del tabacco nella coltivazione della cannabis
  4. I diversi virus che danneggiano la pianta di cannabis
  5. Misure di prevenzione e trattamento della cannabis

VIRUS E PIANTE DI CANNABIS

Generalmente, lfitovirus I virus influenzano gli organismi vegetali per definizione. Più concretamente, questi lo sono parassiti intracellulari che richiedono il supporto di un organismo ospite per garantire la propria riproduzione. È bene sapere che il livello di conoscenza scientifica globale riguardante il fitovirus è molto meno esteso di quello del mondo animale ancora oggi.

Il che alla fine è abbastanza logico, perché è certamente più rivelatrice dei sintomi che potrebbero verificarsi nell’uomo. Tuttavia, al giorno d’oggi diversi virus sono ora chiaramente identificati come dannosi per le piante di cannabis con elevato contenuti nel THC o nel CBD da “semi” perché hanno la capacità di causare gravi problemi, rendendo incerto il raccolto.

Anche se l’origine di questi virus è ancora inspiegabile per il momento, la comunità scientifica ha messo in evidenza tre ipotesi teoriche che spiegano le loro origini. Il primo costituisce un’ipotesi regressivo, il che significa chiaramente che questi virus provengono da cellule microscopiche che infettano cellule di dimensioni maggiori e che hanno perso parte della loro composizione genetica durante la loro evoluzione.

Il secondo può essere spiegato da un’ipotesi originale cellulare, il che significa che i virus sarebbero stati formati da diverse parti del DNA e l’RNA di organismi il cui volume è maggiore. L’ultima e la terza ipotesi è quella di coevoluzione, il che spiega che erano costituiti da molecole proteiche e acidi nucleici. 

IL Virus a mosaico del tabacco (VMT) o TMV in inglese (virus del mosaico del tabacco), è il primo del suo genere ad essere stato scoperto da Adolf Mayer nel 1886. Fu dal 1898 che Martinus Beijerinck fu in grado di riprodurre le esperienze che erano state condotte prima da Dimitri Ivanovsky nel 1892.

Quest’ultimo ha usato la terminologia del “virus” per la prima volta in quel momento, per caratterizzare i sintomi del virus del mosaico del tabacco. Per quest’ultimo, era quindi ovvio che l’origine di questa malattia proveniva dalla presenza di muffa o da quella di un batterio. 

La maggior parte del fitovirus identificato, influisce precisamente su alcune specie di piante, il che ci rivela chiaramente che richiedono almeno un tipo di cellule ospiti in calcestruzzo per essere in grado di garantire la loro riproduzione, il che limita le loro potenziali infezioni limitate .

In ogni caso, stiamo assistendo all’ambiente naturale, con lo sviluppo di una moltitudine di virus che sono in grado di causare seri problemi su una vasta serie di specie agricole, che dà sudori sacri freddi ai coltivatori di tutto il mondo.

Lire cet article  Guida completa per scegliere il seme di cannabis giusto per le tue esigenze

VETTORI CHE PROMUOVONO LA DIFFUSIONE DEL FITOVIRUS

Secondo alcune osservazioni scientifiche, sembra che il fitovirus sia fondamentalmente capsule di proteine ​​contenenti una parte della sequenza genetica, la parte mancante impedisce la loro mobilità da una pianta all’altra. Quindi naturalmente arriva una domanda, come sono quindi in grado di devastare così tanto nel cuore di una cultura?

In effetti, la loro diffusione è favorita dalla presenza di diversi Vettori virali, In modo più dettagliato, si tratta di organismi viventi che trasmettono queste cariche virali di una pianta infettata dalla malattia, verso un’altra pianta sana per facilitare finalmente l’ottenimento di nuove cellule ospiti.

Il più delle volte, questi sono i insetti o cannabis dannosa come afidi, conmiature, nematodi, ragni rossi, tripidi o mosche bianche, che svolgono il ruolo dei vettori virali diretti. Senza saperlo, sono persino i coltivatori Che assicurano questo ruolo di trasmissione, trattando e prendendosi cura delle piante di cannabis da “semi” con alto THC o CBD, con stretta vicinanza. 

IL VIRUS DEL MOSAICO DEL TABACCO NELLA COLTIVAZIONE DELLA CANNABIS

Il virus del mosaico del tabacco è come suggerisce il nome, un fenomeno virale dannoso soprattutto per la pianta del tabacco, sebbene tollera di più 125 specie di 9 famiglie di piante Diverso come host. Tuttavia, molti coltivatori dubitano ancora e cercano di verificare con certezza, come il virus del mosaico del tabacco attacca con precisione la cannabis.

È ancora bene tenere presente che a volte un virus può essere identificato da un acronimo specifico, sebbene in realtà sia un ceppo diverso corrispondente a un altro fenomeno viraleCome il virus del mosaico di canapa (MHV), che in realtà è la tensione Cowpea virus del mosaico del tabacco.

La capsula VMT è composta da almeno 2000 molecole di proteine Copertura e molecola di RNA in una singola parte. A differenza di molti altri fenomeni virali, una volta entrata nella cellula ospite, la sua capsula proteica è dissociata dal tutto, rilascia l’RNA virale e inizia a riprodurre il proprio genoma.

La malattia provoca diversi sintomi sulle piante all’interno della coltura, perché possiamo osservare Scolorazioni significative tra le vene delle foglie il più giovane, che non dovrebbe essere confuso con il Sintomi di carenza nutrizionale. Questi cambiamenti di colore sono accompagnati dallo sviluppo di macchie con l’aspetto di un mosaico con forme variabili chiare e oscure. È anche possibile vedere il foglie appassite, fino a quando non si assume finalmente un’apparizione approssimativa in termini di tatto.

Le parti inferiori della pianta di marijuana sono anche colpite, soprattutto se i capricci climatici non sono dalla nostra parte, ciò significa più concretamente, se abbiamo temperature a caldo e condizioni asciutte. Sarai anche in grado di osservare un’azione necrotica nelle foglie e assisterai quindi a un rallentamento generalizzato nella crescita o dalla fioritura di piante da “semi” con alto THC o CBD. 

Il VMT o TMV in inglese (virus del mosaico del tabacco), è certamente uno dei fitovirus più stabili così com’è. Nel caso in cui la temperatura ambiente non scenda sotto i 4 ° C, quest’ultimo mantiene una perfetta stabilità. Una cultura prodotta in serre o situata in un giardino botanico, costituisce condizioni di riproduzione ideali grazie alla loro temperatura elevata e stabile, ma anche grazie all’ampio assortimento delle diverse piante che sono immagazzinate in questo luogo. 

Lire cet article  Cosa sono i semi femminizzati?

I DIVERSI VIRUS CHE DANNEGGIANO LA PIANTA DI CANNABIS

Le piante di cannabis ad alto contenuto possono essere potenzialmente colpite dal VMT, ma anche da molti altri fitovirus, alcune delle quali non sono ancora chiaramente elencate. Fortunatamente, la maggior parte di questi fitovirus non influisce sulla cannabis perché devastano anche altre famiglie o specie.

Possiamo aggiungere che le piante possono essere infettate con diversi virus contemporaneamente, il che rende molto difficile la distinzione di questi diversi fenomeni virali per i coltivatori. Quest’ultimo deve adattarsi alle specificità di ciascun fenomeno virale, come una malattia, a cui deve applicare il miglior trattamento corrispondente.

Sembrerebbe che siano ora identificati quasi 900 fitovirus, ma la strada è ancora lunga in termini di studi scientifici, perché una piccola quantità di loro ha reso il frutto di indagini sufficientemente profonde e documentate. Al giorno d’oggi, solo due virus sono chiaramente elencati come particolarmente dannosi per la cannabis.

Riguarda Virus del mosaico di canapa (HMV, virus del mosaico della canapa) e il virus della striscia di canapa (HSV, virus della striscia di canapa). Questi due fenomeni virali colpiscono concretamente le piante di cannabis, grazie all’azione di vettori virali come afidi, bruchi, tonips e ragni rossi.

Alcuni studi sulla comunità scientifica hanno anche dimostrato che il Anelli di tabacco macchiare il virus (TRSV, virus del raspot tabacco) e virus della paglia di tabacco (TSV, virus della striscia di tabacco), hanno anche la capacità di creare tale infezione causando sintomi simili a quelli causati dalla VMT.

È esattamente lo stesso per il Virus a mosaico Luzerne. Abbastanza strano, tutti usano semi e afidi come vettori di queste malattie parassita. IL Virus a mosaico arabo (ARMV) sembra anche essere in grado di provocare il caos sulle piante di cannabis attraverso nematodi e semi, ma asintomatici.

IL Virus del mosaico di cetriolo (CMV), colpisce le piante di cetriolo come quelle della marijuana, di nuovo, grazie alla partecipazione attiva di afidi o semi come vettori virali. In conclusione di questa parte, sembrerebbe che il anelli di pomodoro macchie virus (Tomrsv), utilizza anche la cannabis come pianta ospite. 

C’è anche un viroide che viene dal luppolo, che è piuttosto virulento e che colpisce profondamente le piante di cannabis. IL Hop viroid latente (HPLVD o luppolo viroid latente in inglese) che è apparso negli Stati Uniti da alcuni anni, è diventato un problema serio per molti coltivatori professionisti nel paese di zio Sam negli ultimi anni.

Un prestigioso “vivaio” californiano ha venduto molti cloni infetti a molte aziende del settore lì, e una grande maggioranza di coltivatori si è presa del tempo per capire cosa stava succedendo nel cuore della loro cultura. Questo viroide ha in effetti sintomi abbastanza fuorvianti, poiché il fogliame dimostra come carenze nutritive, la crescita o la fioritura delle piante rallentano lentamente, i coltivatori vengono ingannati, tuttavia la malattia si deposita permanentemente.

Questo fenomeno virale può essere asintomatico per un certo periodo, quindi i sintomi possono essere improvvisamente dichiarati. Ciò può causare la perdita netta di determinate genetiche, stiamo assistendo a un calo significativo nella produzione di fiori e ai cannabinoidi allo stesso tempo.

Lire cet article  Guida pratica: piantare un seme di cannabis con successo

MISURE DI PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLA CANNABIS

Sfortunatamente per quanto riguarda alcune malattie fungine causate da alcuni funghi parassiti che colpiscono le piante, non vi è ancora un trattamento adeguato, permettendo di eliminare completamente e rapidamente le infezioni come gli effetti avversi del fitovirus che colpisce la cultura della cannabis all’interno e all’esterno.

Come per Molte malattie causate da funghi parassiti come Botrytis, muffa, muffa in polvere, alternia, fusarium O la setttoria delle foglie, i cui sintomi possono essere caratterizzati dall’aspetto del marciume, è necessario impostare una serie di misure di prevenzione.

È fondamentale per i coltivatori di Pulisci esaurientemente lo spazio di coltivazione della cannabis al chiuso, Dal pavimento al soffitto, raccogliendo tutte le foglie come tutti i rifiuti delle piante in giro. È fondamentale provare sempre a farlo Mantenere una temperatura stabile Quando vuoi crescere in casa. Cerca anche di ottenere un bene Rinnovo dell’aria, come una ventilazione omogenea che limiterà l’aspetto di tasche d’aria viziate, che sono dannose. Un aspetto capitale qui è mantenere un livello di umidità stabile, senza variazioni eccessive.

Va tenuto presente che le foglie costituiscono un habitat ideale per lo sviluppo del marciume caratteristico di questi funghi parassiti. Condizioni climatiche ambientali cattive, attirano questi fenomeni fungini. Assicurati di fare Annaffiatura abbastanza precisa, con una quantità di acqua e nutrienti adattati al periodo. Generalmente, le piante di cannabis hanno bisogno di poca acqua nelle ultime 2 settimane di fioritura. Devi stare attento in questa fase, perché è il momento ideale per partecipare all’aspetto di un fungo come Botrytis.

Devi essere vigile in scarsa padronanza dei parametri climatici, poiché ciò può facilitare l’arrivo di malattie criptogamiche come Fusarium, che attacca le radici e di cui è particolarmente difficile sbarazzarsi. Sembra logico, ma ti avvertiamo che il consumo di fiori di cannabis infettati da funghi è pericoloso per la salute. Questo può causare gravi problemi respiratori nell’uomo, è quindi meglio astenersi ed evitare.

Ma non solo, perché coltivare in tali condizioni potrebbe anche attrarre abbastanza facilmente L’aspetto di insetti dannosi, che potrebbe diventare un secondo problema associato e quindi compromettere le possibilità di successo del tuo raccolto. Un aspetto chiave è soprattutto in La scelta delle varietà dei semi di cannabis di migliore qualità che acquisti.

È molto importante Seleziona varietà che resistono il più possibile a tutte queste piaghe dannosee le cui caratteristiche devono corrispondere condizioni meteo della tua area geografica. INTERNE, la gestione climatica è di grande importanza, il trattamento del rinnovamento dell’aria e della perfetta gestione del livello di umidità devono essere presi con la massima considerazione.

Fai l’applicazione di uno stimolatore della radice una volta alla settimana, poiché otterrà radici vigorose e sane, anche con perfetta capacità di assorbimento. La salute delle radici è molto importante, in quanto contribuisce direttamente Rinforzo del sistema immunitario delle tue piante di marijuana.

Possiamo concludere che questi fenomeni virali sono un male moderno del nostro tempo, circondato da molti misteri, che speriamo vengano chiariti durante gli anni futuri. Ciò dimostra che i prodotti chimici non sembrano essere così rivoluzionari come sembravano due decenni fa. La natura ci darà ancora molte lezioni di vita in futuro.

Vous avez aimé cet article ?
Partager sur Facebook
Partager sur Twitter
Partager sur Linkedin
Partager sur Pinterest